Raffles Milano Istituto Moda e Design
PHT
Master RM Istituto Moda e Design

Photography

Nuove storie, nuove visioni
Dieci mesi straordinari, con docenti di livello internazionale. Un’occasione unica per imparare direttamente dai protagonisti. Master Raffles Milano: finalmente qualcuno ci ha pensato.
Durata
10 mesi
Ore
620
Data d'inizio
Febbraio
Lingua
Inglese

Course leader

Denis Curti
Curatore
Denis Curti ha collaborato con fotografi di alto profilo internazionale e archivi per mostre e progetti editoriali: David LaChapelle, Helmut Newton, Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Jean Henri Lartigue, Ferdinando Scianna, Olivo Barbieri, Francesco Jodice. È l’art director della Casa dei Tre Oci a Venezia e Direttore della rivista digitale Black Camera, in collaborazione con Rolling Stone Italia. È inoltre art director di importanti Festival della fotografia italiani. Nel 2015 ha fondato a Milano l’agenzia Still, uno spazio per mostre e produzioni fotografiche.

Scopri “Perché scegliere Raffles Milano”
e conosci il Master in
Photography

con il Course Leader Denis Curti.

Perché?

Fotografare vuol dire proporre un modello del mondo utile e interessante, che raccontando la realtà ci aiuti ad amarla. Il fotografo non è più un mestiere da artigiani. La tecnologia digitale lo spinge a “scrollarsi di dosso” l’ossessione della tecnica a favore di una logica sempre più legata al saper vedere, al saper interpretare e al saper raccontare.

Opportunità professionali

Il fotografo deve essere un interprete attivo, efficace e consapevole della contemporaneità. E per questo le lezioni sono costruite sulla logica dell’aggiornamento permanente. La bravura, l’esperienza e la capacità di rompere gli schemi dei docenti coinvolti assicurano un percorso formativo di alto profilo. Al termine del quale, gli studenti hanno la possibilità di trovare posizioni professionali nel mondo della produzione visiva sia in ambito nazionale che internazionale, in varie aree della comunicazione e dell’immagine, dallo still & motion allo storytelling, dall’advertising agli ambiti corporate.

A chi si rivolge

Il Master si rivolge a tutte le persone che desiderano conoscere e approfondire i temi della fotografia contemporanea, trasformando la passione in un mestiere. In particolare, è disegnato per chi vuole intraprendere un percorso di (ri)definizione e (ri)posizionamento professionale al passo con i contesti di oggi. Chi sono i fotografi di domani (e di oggi)? Persone che dispongono di competenze, abilità e strumenti critici per affrontare senza complessi la vastissima scena della produzione contemporanea, e per dare inizio a una propria attività autonoma, continuativa e di successo.

Programma

Lavorando fianco a fianco con i professionisti che guidano il mercato di oggi, gli studenti acquisiscono una visione a tutto tondo dei nuovi modi per progettare l’identità, i reportage, le campagne di advertising e la comunicazione corporate. Il Master pone l’accento sulle esperienze concrete e su assignment reali proposti da aziende e istituzioni. Una parte fondamentale del programma è dedicata al funzionamento del mercato del collezionismo, del publishing e della fine art attraverso la costruzione di un portfolio personale, il primo passo per avviare relazioni con curatori e gallerie internazionali.

Argomenti

  • Contesto della fotografia italiana e internazionale
  • Mercato del collezionismo e fine art.
  • Creatività e progettualità in fotografia.
  • Advertising e corporate.
  • Beauty e ritratto.
  • Centralità dello storytelling.
  • Organizzazione e curatela di mostre ed eventi.
  • Costruzione del portfolio.
  • Tecnologia digitale al servizio della creatività.

Studente dell'anno

Al termine di ogni anno accademico RM premia il miglior talento di ogni anno di corso.
Il riconoscimento viene conferito allo studente che, per carriera accademica e portfolio, si sia distinto nella valutazione sia di una commissione di docenti interni sia di quella di una commissione di professionisti esterni, chiamati in questo caso a giudicare un portfolio garantito dall’anonimato.

Endorsement

Per la qualità e l’efficacia del modello didattico, il Master ha ottenuto il patrocinio:

AFIP International
Associazione Fotografi Professionisti

Docenti di progetto

Imparare direttamente dai protagonisti vuol dire acquisire alla fonte le visioni e i metodi più avanzati. A differenza dei Master tradizionali, i Master Raffles Milano portano in aula saperi in azione grazie a 10 professionisti ai vertici del mercato che si alternano in aula nell’arco dei dieci mesi.
Ogni professionista passa con gli studenti un mese. 8 mesi da 4 settimane e 2 mesi da 3 settimane.
Per ogni settimane è previsto un giorno da 6 ore e un giorno da 8 ore di lezione con il professionista.
Al termine di ogni mese lo studente riceve una valutazione sul progetto realizzato.
Alcuni dei professionisti potrebbero essere sostituiti durante il Master, con altri professionisti ai vertici del mercato, mantenendo invariato il livello della Faculty internazionale.

Laurie Hurwitz
Curatrice / Scrittrice
Curatrice e scrittrice attiva a Parigi, ha collaborato alla MEP -Maison Européenne de la Photographie negli ultimi quindici anni. Alla MEP è stata curatrice e produttrice di mostre di un’estesa rappresentanza di artisti e fotografi (tra cui: Bruce Davidson, Jacques Henri Lartigue, William Klein, Jim Dine, Bernard Plossu, David Lynch, Martin Parr, Elliott Erwitt, Irving Penn, Sarah Moon e Don McCullin) oltre che conservatore delle opere video della collezione del museo. Corrispondente daParigi per la rivista ARTnews ha scritto di fotografia e arte contemporanea per cataloghi e riviste come Arte e Asta, Arti, Fregio, Metropolis, Connaissance des arts, Artpress e Art in Print.
Erik Kessels
Esperto di comunicazione
Classe 1966, è nato a Roermond, in Olanda, vicino al confine con il Belgio. Ha iniziato la carriera lavorando come illustratore in Ogilvy & Mather Eindhoven e studiando alla sera all’Accademia di Belle Arti. Ha proseguito nelle agenzie Kuipers & Schouten e Chiat/Day London. Nel 1996, insieme al suo partner creativo John Kramer, ha fondato ad Amsterdam l’agenzia KesselsKramer, oggi affermata su scala internazionale. Accanto alla professione pubblicitaria, Kessel è un cultore appassionato della fotografia: è collezionista, curatore, editore di libri e magazine editor. Indimenticabile la sua installazione al FOAM di Amsterdam quando, chiamato a immaginare una mostra sul futuro della fotografia, ha pensato di materializzare la spaventosa inondazione di immagini a cui siamo sottoposti quotidianamente esponendo un milione di immagini di ogni tipo e provenienza caricate su Flickr nell’arco di un solo giorno.
Philippe Séclier
Giornalista
L'ex giornalista Philippe Séclier si interessa alla fotografia in tutte le sue forme. Art director per il quotidiano Le Parisien nel 2000, è diventato freelance nel 2001, pubblicando quattro libri: Hôtel Puerto (2001), un lungo corso di lavoro sui porti di tutto il mondo, La longue route de sable (2005), sulle orme dello scrittore e regista Pier Paolo Pasolini, El camino de Tulahuèn (2014), sulle orme del fotografo cileno Sergio Larrain, e La jeune fille à la fleur (2017), un'indagine sulla famosa fotografia del fotografo francese Marc Riboud. Ha diretto due documentari: uno dedicato a Marc Riboud (2004), Instants d'année; il secondo, Un voyage américain (2009), ispirato al libro di Robert Frank, The Americans. Ha partecipato al 60 ° anniversario di Magnum Photos nel 2007 e ha collaborato regolarmente per quindici anni con il fotografo e regista francese Raymond Depardon. È anche curatore: Autophoto è stato presentato alla Fondation Cartier pour l'Art Contemporain a Parigi nel 2017 e Depardon USA ai Rencontres internationales de la Photographie d'Arles, nell'estate 2018.
Silvia Camporesi
Fotografa
Laureata in filosofia all’Università di Bologna, attraverso i linguaggi della fotografia e del video, dal 2000 la sua ricerca si muove su una sottile linea di confine fra immaginazione e realtà, in contesti in cui il soggetto è sempre in un rapporto di dialogo con l’elemento naturale e teso verso il tentativo di trascendere i limiti del corpo e della mente. Ricorre spesso all’uso di modellini che ricreano luoghi reali o immaginari e che vengono in seguito illuminati e fotografati nel suo studio (come nella serie Le città del pensiero). Negli ultimi anni la sua ricerca è dedicata all’esplorazione del paesaggio italiano, con le pubblicazioni La Terza Venezia e Atlas Italiae. Affianca l’attività artistica all’insegnamento e da dieci anni conduce le Conversazioni sulla fotografia, una serie di dialoghi con fotografi e critici sulla fotografia contemporanea.
Claudio Composti
Curatore / Art director
Cresciuto nel mondo dell’arte apre nel 1997 la Galleria Ca’ Di Fra’ a Milano con il padre e le sorelle. Nel 2009 a Milano, con Vincenzo Maccarone, fonda la mc2gallery di cui è Art Director. Curatore e consulente privato per collezionisti, è talent scout di giovani fotografi e organizza mostre di giovani fotografi italiani e stranieri di fama internazionale - come Antoine D’Agata, Jacob Aue Sobol, Micheal Ackerman - in spazi pubblici, festival di fotografia, gallerie italiane ed estere o centri di fotografia. È da anni Folio Reviewer ai festival di fotografia quali il Vogue Photo Festival di Milano, il PhotoLux Festival di Lucca o Fotografia Europea a Reggio Emilia, Il Festival Fotografico Europeo di Busto Arsizio e ai Les Rencontres d’Arles, in Francia. Nel 2016 ha fondato Periscope Photoscouting, una piattaforma on line di consulenza per fotografi emergenti o gli artisti che utilizzano il mezzo fotografico.
Francesco Anselmi
Fotografo
Nato a Milano nel 1984, Francesco vive tra l’Italia e gli Stati Uniti d’America. Si è diplomato nel 2010 presso l’International Center of Photography, ricevendo una borsa di studio dalla New York Times Foundation. Il suo lavoro si focalizza principalmente sui cambiamenti e le problematiche sociali che riguardano la società occidentale. Nel 2012 ha iniziato un progetto a lungo termine sulle conseguenze della crisi greca, grazie al quale ha ricevuto il Chris Hondros Fellowship Fund nel 2013 e il Visura Grant for Outstanding Personal Project nel 2016. Il suo lavoro è stato proiettato al Visa Pour l’Image di Perpignan (2013, 2015, 2016), a le Rencontre D’Arles 2014, all’ Image Singuliere 2014 a Sete, ed esposte al Lumix Festival For Young Photojournalism (2014, 2018) e al Festival della Fotografia Etica di Lodi nel 2015. È stato tra i finalisti del Leica Oskar Barnack 2014. Ha pubbicato su The Wall Street Journal, Die Zeit, Liberation, Bloomberg, NEON, Courrier International, LFI, Internazionale, l’Espresso. Sette. Sportweek, Amica International, IoDonna. Dal 2017 si sta concentrando sui cambiamenti che stanno investendo la società americana, con particolare attenzione al tema dell’identità nelle zone di confine. Dal 2011 è rappresentato da Contrasto.
Renata Ferri
Photoeditor
Giornalista, dal 2005 è caporedattore photoeditor di iO Donna il femminile del Corriere della Sera. Dal 2010 al 2018 ha ricoperto lo stesso ruolo anche per Amica, il femminile mensile di Rcs Mediagroup. Dal 1991 al 2005 ha diretto la produzione fotografica di Contrasto. Insegna in scuole di fotografia e corsi specialistici dedicati. Ha partecipato a numerose giurie italiane e internazionali, incluse due edizioni del World Press Photo (2011 e 2012). Dal 2010 al 2015 ha tenuto blog di storie fotografiche su ilpost.it. Cura progetti editoriali ed espositivi di singoli autori e collettivi.
Simona Ghizzoni
Fotografa
Tommaso Parrillo
Editore
Toni Thorimbert
Fotografo / Art director
Reporter, ritrattista, fotografo di moda e art director, capace di reinventare continuamente il suo rapporto con la fotografia e spesso in anticipo sui tempi e sulle tendenze, Toni Thorimbert inizia a fotografare giovanissimo documentando le tensioni sociali e politiche degli anni settanta. Negli anni ottanta, la sua stretta collaborazione ai più innovativi periodici dell’epoca come Max, Amica, Moda, King è fondamentale per definire i nuovi standard visivi dell’epoca. Nel 1995 riceve il premio dell' Art Director Club/Afip per la creatività nel ritratto fotografico. Da allora le sue collaborazioni a livello internazionale per Details, Mademoiselle, Wallpaper e per la stampa italiana, da GQ a Rolling Stone a Io Donna e Style, e la realizzazione di prestigiose campagne pubblicitarie. Nel 2006 pubblica Carta Stampata, volume che racconta trent’anni di fotografie di moda e di ritratto per l’editoria, mentre Seduction of Photography ( 2017) e Proprio da dentro ti voglio e il tuo interno desidero mentre ti guardo ( 2019) sono i suoi più recenti libri d’artista prodotti in tiratura limitata. Da anni affianca al suo lavoro professionale una intensa attività didattica e curatoriale mentre il suo percorso artistico è stato oggetto di numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

Docenti di metodo

Ci sono conoscenze e abilità anche teoriche che non si imparano in corsa e richiedono un approfondimento ad hoc. Non si sa quando potranno servire, ma una cosa è certa: serviranno.
Gli studenti per questo motivo hanno durante i 10 mesi 200 ore di lezioni con i Docenti di metodo, le lezioni vengono distribuite durante i 10 mesi di Master.
Alcuni dei Docenti di metodo potrebbero essere sostituiti durante il Master, mantenendo il livello della Faculty invariato.

Giovanni Gastel
Fotografo
È nato a Milano nel 1955 da Giuseppe Gastel e Ida Visconti di Modrone, ultimo di sette figli. Negli anni ’70 ha iniziato un lungo periodo di apprendistato realizzando fotografie di matrimoni, ritratti e still life. La prima occasione importante è arrivata nel 1975, quando ha iniziato a lavorare per la casa d’aste Christie’s. La svolta è avvenuta nel 1981, quando la sua futura agente Carla Ghiglieri lo ha avvicinato al mondo della moda e ha iniziato a collaborare con Vogue Italia, Mondo Uomo e Donna. Da allora, ha collaborato con le testate di moda più prestigiose, sia in Italia che all’estero, soprattutto a Parigi. Dal 1996 al 1998 è stato Presidente dell’Associazione Fotografi Italiani Professionisti, di cui è Presidente onorario. La consacrazione artistica è avvenuta nel 1997, quando la Triennale di Milano gli ha dedicato una mostra personale a cura di Germano Celant, in cui sono state presentate circa 200 fotografie, la testimonianza di una lunga e prolifica carriera. Nel 2002, nell’ambito della manifestazione La Kore Oscar della Moda, ha ricevuto l’Oscar per la fotografia.
Ferdinando Scianna
Fotografo
È nato a Bagheria, in Sicilia, nel 1943. Ha compiuto gli studi di Lettere e Filosofia, poi interrotti, all’Università di Palermo. Nel 1963 ha incontrato Leonardo Sciascia, con il quale ha pubblicato, a ventun anni, il primo dei numerosi libri poi fatti insieme: Feste religiose in Sicilia, che ottiene il premio Nadar. Si è trasferito a Milano, dove dal 1967 ha lavorato per il settimanale L’Europeo come fotoreporter, inviato speciale, e poi corrispondente da Parigi, dove ha vissuto per dieci anni. Introdotto da Henri Cartier-Bresson, nel 1982 è entrato a far parte dell’agenzia Magnum. Dal 1987 ha alternato al reportage la fotografia di moda e di pubblicità, settori in cui ha riscosso successo internazionale. Fra i suoi libri più importanti: I Siciliani (Parigi, 1977), Kami (Milano, 1988), Le forme del Caos (Udine, 1988), Leonardo Sciascia (Milano, 1989), Marpessa (Milano, 1993), Altrove, reportage di moda (Milano, 1995), Viaggio a Lourdes (Milano, 1996), Dormire, forse sognare (Udine, 1997).
Roberto Koch
Fotografo
Si dedica ben presto alla fotografia professionale realizzando numerosi reportage su temi sociali e di attualità internazionale, e collaborando con le più importanti riviste del mondo, come Time, Newsweek, Life, Stern, Panorama, Sette, Espresso e altre. Nel 1981 pubblica il suo primo libro Augusto e gli altri (Mazzotta), dedicato ai bambini handicappati. Dal 1984, e fino al colpo di stato del 1991, segue lo sviluppo degli avvenimenti in Unione Sovietica, dall'avvento di Gorbaciov al crollo del regime comunista. Il suo lavoro ottiene nel 1988 il premio Kodak e viene raccolto nel libro Istanti di Russia (Peliti, 1990), accompagnato da una mostra itinerante. Nel 1991 insieme a Gianni Berengo Gardin e Ferdinando Scianna pubblica In treno attraverso l'Italia (Peliti), nel 1992 è autore di Exit con Enrico Bossan (Peliti). Il suo lavoro di alcuni anni al seguito del Giro d'Italia viene pubblicato sulla stampa italiana e mondiale e raccolto nel libro libro In Giro, (Contrasto, 1996), nel1998 pubblica Album. Fotografie dall'Italia (Contrasto). Le sue fotografie sono state pubblicate in portfolio sulle principali riviste internazionali e sono state esposte nell'ambito di numerose mostre, personali e collettive, in vari musei, italiani e stranieri. Più volte membro della giuria internazionale del World Press Photo e della giuria del premio Henri Cartier-Bresson. Nel 1994 ha fondato la casa editrice Contrasto e negli anni prodotto in Italia e all’estero molte importanti mostre di autori come Henri Cartier-Bresson, Sebastião Salgado, Richard Avedon, James Nachtwey, Gianni Berengo Gardin, William Klein, Josef Koudelka, David Goldblatt, Ferdinando Scianna, Mimmo Jodice e molti altri. Ha curato il libro Fotobox, successo internazionale con più di 100.000 copie vendute in tutto il mondo, e l’imponente volume I Grandi Fotografi, con monografie di venti tra i più importanti fotografi del mondo, pubblicato in cinque lingue. È presidente della Fondazione Forma per la Fotografia a Milano, l’istituzione di maggior prestigio per la divulgazione della Fotografia nel nostro pase, attiva con oltre 100 mostre allestite in Italia e all’estero.
Alessia Paladini
Curatrice e scrittrice
Dopo la laurea in Storia del Teatro Inglese all’Università degli Studi di Milano inizia l’attività professionale nel dipartimento di arte contemporanea della casa d’aste Sotheby’s. Dal 1998 al 2005 è responsabile di galleria presso Photology, nel 2005 inizia la collaborazione con Contrasto, dove ha creato lo spazio dedicato al collezionismo di fotografia, Contrasto Galleria, di cui ad oggi è direttrice. Ha curato numerose mostre fotografiche, sia di grandi autori che di artisti emergenti, tra cui le personali di Mario Giacomelli, Sebastião Salgado, Irene Kung, Massimo Siragusa, Alessandro Imbriaco, Kenro Izu, Gianni Berengo Gardin, Piergiorgio Branzi, Elliott Erwitt, Alex Webb, Bill Armstrong, Janet Sternburg. Con Contrasto Galleria partecipa alle principali fiere internazionali di settore, quali Paris Photo, Photo London, Arte Fiera Bologna. Ha collaborato al programma espositivo di Leica Galerie Milano ed è lettrice stabile di portfolio dei festival di fotografia Fotografia Europea Reggio Emilia e Photolux Lucca. Il suo approccio alla fotografia ha un taglio rivolto al mercato del collezionismo, che ha parametri e criteri di scelta propri e specifici.
Valeria Moreschi
Curatrice e scrittrice
Dopo gli studi in filosofia a Pavia e a Strasburgo e alcune esperienze nell’editoria, si appassiona alla fotografia. Inizia il suo percorso professionale in FNAC dove ricopre il ruolo di Responsabile delle Gallerie Fotografiche in Italia, dal 2000 al 2014. Organizza, in particolare, la grande mostra della Collezione FNAC in Italia e il lancio del Premio “Attenzione Talento Fotografico Fnac”. Dal 2015 lavora per Fondazione FORMA per la Fotografia, nella prestigiosa sede di Milano come Responsabile delle attività. Qui segue l’organizzazione di tutti i progetti rivolti al pubblico di Forma: grandi mostre di fotografia (come Vivian Maier, Robert Frank, Sebastião Salgado), incontri con gli autori, didattica, proiezioni e progetti speciali. Inoltre, collabora attivamente anche con Contrasto, uno dei più importanti editori di libri e progetti editoriali dedicati alla fotografia. Ha fatto parte di numerose giurie di Premi di fotografia e letture portfolio.
Mattia Zoppellaro
Fotografo
Studia fotografia a Milano dal 1997 al 2000, e nel 2003, dopo la collaborazione con il dipartimento di Fotografia di Fabrica, si trasferisce in Inghilterra dove inizia a scattare per diverse riviste e etichette musicali. Contemporaneamente realizza vari progetti personali, dal reportage sociale (Irish Travellers, Rifugiati Kosovari, Cacciatori di Streghe Africani, Senzatetto di Hackney, Prigioni di Massima Sicurezza del Nord-Est Italiano), di costume (Cerimonie Religiose nel Meridione, Fiera del Sesso di Milano) e sui movimenti giovanili (Rave Parties Europei, Punk Messicani, Scena Hip Hop di Dakar). Nell’Ottobre 2015 inaugura la mostra personale Heroes? all’Outdoor Festival a Roma. Nel Marzo 2016 inaugura la personale Scratches alla Traffic Gallery di Bergamo. Nel Settembre 2017 pubblica il suo primo libro Appleby sugli irish travellers, edito da Contrasto. Lo stesso progetto viene esposto a Cortona On The Move nel 2016, allo Spazio Forma (2017), al Festival Portrait(s) di Vichy (2018) e alla Traffic Gallery di Bergamo (2018). Ha pubblicato su Rolling Stone, Vanity Fair, Sunday Times Magazine, Financial Times Weekend, El Pais Semanal, L’Espresso, D La Repubblica, Io Donna, GQ, Les Inrockuptibles, Mojo, NME, Sportweek, Vanity Fair.
Lorenzo Maccotta
Fotografo
Dopo la laurea in Filosofia, con una tesi in Estetica a “La Sapienza” di Roma, frequenta la Scuola Romana di Fotografia e inizia la sua attività di fotografo. I primi lavori vertono sul tema dell’immigrazione e partecipa ad una serie di missioni di Medici Senza Frontiere- Italia. Successivamente orienta il suo lavoro verso una ricerca personale rimanendo sempre aderente ai temi della contemporaneità, finché nel 2015 inizia un progetto a lungo termine inteso ad esplorare l’impatto delle nuove tecnologie sulla società contemporanea globale, intitolato How far_stories from the Internet. Rappresentato dal 2013 dall’agenzia Contrasto, i suoi lavori sono stati esposti in contesti museali e pubblicati sulle maggiori testate e siti web nazionali ed internazionali. Nel 2017 un estratto del lavoro How far_stories from the Internet è stato premiato al Sony World Photography Awards nella categoria Contemporary Issue.
Gianluca Catzeddu
Fotografo
Intraprende nel 2001 l’attività di fotografo dopo un Master in Fotografia Professionale, realizzando campagne pubblicitarie e cataloghi. Dal 2005 diventa Adobe Certified Expert per Photoshop e entra in AdobeGuru, il gruppo di esperti ufficiali in ambito Digital Imaging, svolgendo attività di dimostrazione software, seminari e tour di lancio dei prodotti Adobe. Docente di fotografia digitale collabora con associazioni nazionali e con scuole in tutta Italia. Esperto di post-produzione, è stato consulente per tre campagne pubblicitarie internazionali commissionate da Contrasto per il brand Jacob Cohen, elaborando le foto di Elliot Erwitt. Collabora per la post produzione delle fotografie di Monica Silva (esposte nel 2014 a San Paolo) e per la campagna pubblicitaria EICMA 2016. Ha curato la post-produzione di alcune immagini per il Red Bull Content Pool di Mauro Puccini, con cui ha inoltre collaborato alla realizzazione di una campagna social per Adidas (2017).
Gianluca Morretta
Avvocato
Avvocato, ha maturato una particolare esperienza nella tutela della proprietà intellettuale ed industriale, offrendo consulenza legale ad un’ampia gamma di realtà imprenditoriali, italiane e straniere, e anche a singoli inventori ed autori. La sua attività spazia in diversi ambiti della materia, comprendendo brevetti ed segreto industriale, i marchi ed i segni a dominio, il design, la pubblicità, la concorrenza sleale, il diritto d’autore e la privacy. Autore di alcuni saggi sulla proprietà intellettuale, ha svolto incarichi di docenza in materia di proprietà intellettuale ed industriale e partecipa come relatore a convegni.
Giancarlo Vaiarelli
Fotografo
A tredici anni entra nella sua prima camera oscura. Dopo un periodo iniziale come assistente fotografo di scena inizia l’attività professionale da fotoreporter free-lance. Spinto dall’interesse verso la stampa bianco e nero di alta qualità si trasferisce a Londra per acquisire una profonda esperienza collaborando con tre laboratori, al cui termine decide di trasferirsi negli Stati Uniti dal suo maestro e mentore Dick Arentz e al laboratorio Print Zone a New York. Dopo un decennio passato all’estero a raffinare studi e esperienza sulle antiche tecniche fotografiche, torna in Italia: a Milano prima lavora per alcuni laboratori, poi fonda i suoi studio-laboratorio (Studio Vaiarelli-Zone Five e Silverprint) prima di entrare a far parte di un team professionale di alto livello che realizza progetti fotografici volti al Fine Art. Continua a viaggiare per lavoro e aggiornamenti tra Inghilterra e Stati Uniti.

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O – Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L’Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.

Monday talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.30 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.

Ammissioni

Le richieste di ammissione possono essere inoltrate via mail (attraverso un form da compilare sul sito RM) oppure con contatto telefonico diretto con la segreteria. Al ricevimento dei documenti richiesti e di una lettera motivazionale redatta dal Candidato, la Direzione fissa la data per un un colloquio conoscitivo con il Course leader o con il College Director se necessario.

Ai candidati, se ritenuti idonei, viene inoltrata la risposta ufficiale di accettazione della richiesta di ammissione, che comunque resta non vincolante per il Candidato.

 

Documentazione di ammissione:

– curriculum vitae
– portfolio artistico e/o professionale
– lettera di motivazione
– copia del certificato degli studi precedente
– passaporto o carta d’identità per gli studenti italiani o cittadini EU-EFTA

I candidati potranno inviare la documentazione di ammissione all’indirizzo email: master@rm-modaedesign.it

Per richiedere maggiori informazioni, compilare il form “Richiesta info”.

Rette

A seguito della comunicazione ufficiale della Direzione sull’ammissibilità del Candidato, si può procedere alla fase di iscrizione. Tutti gli studenti in possesso dei requisiti – al momento della formalizzazione dell’iscrizione – devono versare la tassa d’iscrizione, alla quale deve essere integrata la retta annuale prima dell’inizio del corso.

L’importo può essere versato in un’unica soluzione, oppure in altre due rate dopo quella dell’iscrizione: la seconda entro l’inizio del Primo Semestre, la terza entro l’inizio del Secondo Semestre.

Per gli studenti internazionali è prevista la sola opzione di pagamento in un’unica rata al momento dell’iscrizione.

Studenti del’Unione Europea ed EFTA
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 15.000 euro

Studenti extra Unione Europea
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 23.000 euro

 

Richiedi Info
Richiedi Ammissione