Raffles Milano Istituto Moda e Design
IND
Corso Triennale RM Istituto Moda e Design

Interior design

Una questione di spazi
Imparare facendo è il principio alla base dei corsi triennali di Raffles Milano, un percorso di formazione che struttura la mente, fornisce un solido bagaglio tecnico e fa venire voglia di allargare i propri orizzonti di vita.
Durata
3 anni
Ore
1400
Data d'inizio
Novembre
Lingua
Italiano/Inglese

Course leader

Carlo Forcolini
Direttore Scientifico
Nato nel 1947, nel 1969 si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1975 al 1979 ha lavorato per ICF De Padova e in parallelo ha iniziato a collaborare con Vico Magistretti, uno dei maestri del Design italiano. Dal 1978 al 1984 ha vissuto a Londra, dove è stato fra i fondatori di Alias ed è diventato Director di Artemide G.B. Nel 1992 ha fondato Nemo, e nel 1999 Forcolini.Lab. Nel 2005 ha fondato Oylight. Nel corso degli anni ha progettato per Amar, Cassina, BBB Bonacina, Luceplan, Luci Italia, Gervasoni, Joint, Pomellato. Dal 2001 al 2007 è stato Presidente di ADI Associazione per il Disegno Industriale. Nel 2007 è diventato membro del Consiglio Italiano del Design. Dal 2009 al 2014 è stato, in ordine, Ceo del Gruppo IED, Vice presidente e Direttore scientifico. Suoi progetti sono nelle collezioni del Cooper Hewitt Museum di New York, nel Museo delle Arti decorative di Parigi, nel Museo del Design della Triennale di Milano e nella Collezione del Compasso d’Oro ADI. Ha esposto a Madrid, Los Angeles, Londra, Amburgo, Colonia, Tokyo, Sidney, Santiago, Mosca, Oslo, Napoli, Milano, Toronto e Bruxelles.

Perché

Progettare vuol dire trasformare il mondo, partendo dalle cose più semplici alle più complesse. Il design non è solo una disciplina che insegna a inventare e migliorare la vita materiale: è un modello che ci insegna quanto i piano del piccolo e del grande siano legati da fili invisibili. È l’arte del cambiamento, della responsabilità e dell’impegno.

Opportunità professionali

L’Interior designer è un progettista in grado di affrontare spazi di varie dimensioni e complessità, capace di tradurre messaggi e atmosfere di una marca o di un committente privato, in spazi con soluzioni tangibili, portatrici di messaggi, emozioni e senso. È una figura fondamentale per gli studi di architettura e design, agenzie per eventi, studi televisivi e cinematografici, per gli uffici di progettazione di aziende del settore del mobile e dei complementi. Per la sua preparazione specifica può affrontare anche la carriera di critico e
studioso del sistema dell’arredo e degli interni oppure di consulente e direttore artistico per aziende del comparto moda e design.

A chi si rivolge

Il corso si rivolge a chi è in possesso di un diploma di Scuola superiore e a studenti provenienti da università italiane o estere. È richiesto uno specifico interesse nelle discipline del progetto per gli spazi (domestici, per uffici, per l’accoglienza, per i luoghi di ritrovo e commerciali); della concezione e progettazione di ambienti per l’exhibit design e per gli arredi per la casa, per il lavoro e per il tempo libero; per lo studio e applicazione coerente della decorazione, l’impiego dei materiali, l’illuminotecnica e dei complementi d’arredo). Lo studente dovrà anche dimostrare attitudine allo studio del comportamento sociale, della cultura delle arti visive e delle tendenze socio-culturali. I partecipanti sono i futuri designer degli ambienti e delle atmosfere comunicative, interpreti attenti delle tendenze contemporanee e degli stili di vita.

Programma

A una fase propedeutica (Primo anno) segue un approfondimento intermedio (Secondo anno) e un percorso di completamento dedicato al progetto finale-portfolio (Terzo anno). Dai fondamenti teorici del disegno e della rappresentazione, della storia delle arti applicate e dell’architettura per gli spazi domestici, si affrontano poi scenari socio-culturali sempre più complessi e legati al mondo delle imprese, dell’evoluzione dei costumi e dello stile di vita, della relazione dei brand con utenti e consumatori, alla ricerca di quelle soluzioni progettuali in grado di fornire le risposte più avanzate e sostenibili per il miglioramento della qualità della vita, del luogo di lavoro, del tempo libero.

Argomenti

– Visual design
– Disegno, rilievo e rappresentazione degli spazi
– Storia dell’architettura, dell’arredo
– Storia dell’arte e del design
– Exhibit design
– Retail design
– Laboratorio 3D e CAD
– Environmental design
– Antropologia e sociologia dei consumi
– Materiali e superfici
– Branding, Marketing e ricerche
– Acustica e Illuminotecnica
– Colore e colorimetria
– Decorazione e textures

Studente dell'anno

Al termine di ogni anno accademico RM premia il miglior talento di ogni anno di corso.
Il riconoscimento viene conferito allo studente che, per carriera accademica e portfolio, si sia distinto nella valutazione sia di una commissione di docenti interni sia di quella di una commissione di professionisti esterni, chiamati in questo caso a giudicare un portfolio garantito dall’anonimato.

Docenti

Sono affermati professionisti, autori di progetti che hanno lasciato il segno, e con lunghi anni di insegnamento alle spalle. Hanno uno sguardo aperto e decisamente internazionale. Fanno parte di un gruppo coeso e fertile, e amano confrontarsi sull’andamento dei corsi, sulle opportunità che si presentano in corsa e sul rendimento dei singoli studenti.

Luciana Di Virgilio
Interior designer
Tito Canella
Architetto
Vittorio Libertucci
Architetto
Laura Lisi
Traduttrice / Interprete
Traduttrice, interprete di conferenza e docente di lingua inglese, si è laureata in Lingua e Letteratura Inglese all’Università di Aarhus, in Danimarca, e ha conseguito il dottorato di ricerca in Teoria della Traduzione all’Università di Milano. Da 15 anni si occupa dell’insegnamento linguistico in università italiane e internazionali, e in ambito aziendale. Questa esperienza le ha permesso di costruirsi un bagaglio didattico specifico per condurre studenti di diverse culture e preparazione a raggiungere un livello linguistico adeguato, fornendo gli strumenti per operare nei contesti sociali e professionali di loro interesse. Al lavoro di traduttrice affianca quello di Project manager per lavori di traduzioni di grandi dimensioni e progetti di interpretariato. Ha pubblicato monografie sulla didattica linguistica e ha contribuito a numerose pubblicazioni accademiche del settore.
Luigi Ciuffreda
Architetto
Nato nel 1981, ha studiato Architettura e design all’École Supérieure d’Art et de Design d’Orléans e al Politecnico di Milano, dove si è laureato nel 2006 specializzandosi in Museografia e allestimento per i Beni Culturali. Dal 2005 al 2007 è stato cultore della materia alla Facoltà del Design del Politecnico di Milano nei laboratori di Interior Design, e dal 2013 al 2017 è stato docente di Disegno e allestimento all’Accademia di Comunicazione di Milano. Si occupa di progettazione a diverse scale: design del prodotto, retail design, architettura d’interni e allestimento. Fra gli ultimi lavori, si segnalano il progetto museografico del Museo Lapidario di Monte Sant’Angelo e la segnaletica del nuovo stadio NAS Arena di Dubai. Dal 2006 è consulente dello studio Buratti Architetti, con il quale ha collaborato a progetti per B&B Italia, Fontana Arte, Living Divani, Poliform, Poltrona Frau, Porro, Tecno, Automobili Lamborghini, Ducati, Husqvarna, La Perla, Gebrüder Thonet Vienna. All’attività professionale affianca una personale ricerca sull’illustrazione e la grafica.
Orio Vergani
Gallerista / Curatore
Dopo studi umanistici segue una formazione da autodidatta mentre lavora in un negozio di dischi. Una breva esperienza nel mondo del design lo porta, nel 2000, a diventare assistente di Luigi Settembrini e di Francesca Sorace durante la loro collaborazione con il Cosmit per la mostra “1951-2001, Made in Italy?”. Nel 2001 fonda Nowhere, primo esempio di realtà espositiva nomade e con questa modalità organizza mostre tra Milano, Parigi e Firenze. Nel 2003 apre una sede definitiva a Milano, dando così un corpo alla sua attività di ricerca nel campo dell’arte contemporanea; nello stesso anno, e fino al 2006, è consulente editoriale per Skira. Dal 2007 al 2013 è stato vicepresidente di Startmilano, associazione di categoria per la diffusione dell’arte e della cultura contemporanea. Dal 2009 scrive d’arte su Il Giorno/QN.
Gianluca Ferrauto
Coach
La sua carriera professionale gli ha permesso di fare esperienza in differenti aree di mercato, dalla comunicazione ai servizi finanziari. Ha sviluppato con successo il new business e allo stesso tempo ristrutturato reti commerciali e organizzazioni aziendali. Ha una particolare attitudine al pensiero strategico, al lavoro di gruppo, alla gestione e al rafforzamento del talento. E' uno specialista delle relazioni, agendo come "coach manager" per lo sviluppo e l’acquisizione della necessaria consapevolezza individuale. Ha ricoperto ruoli dirigenziali in importanti aziende italiane ed estere, da Direttore Commerciale in Mondadori Pubblicità, a Direttore Generale in Cemit Interactive Media, ha poi assunto il ruolo di Direttore Generale in Condé Nast e dopo alcuni anni nella consulenza è rientrato in azienda prima come Consigliere Delegato e quindi come Amministratore Delegato di Finservice del gruppo Cerved.
Mindert De Koningh
Modellista
È nato a Haarlem, Paesi Bassi, nel 1958. Terminati gli studi, ha intrapreso la carriera di modellista. Il lavoro al fianco di giovani designer olandesi ha ampliato il suo interesse per il mondo dell’Industrial design, e lo ha spinto a trasferirsi a Milano nel 1990. Nel 1997 ha fondato Zooi e ha aperto il laboratorio di via Savona. Ha seguito sia l’attività didattica, sia la realizzazione dei prototipi degli studenti dei Master di Industrial design e Fashion design, incrociando i grandi nomi che hanno animato la scena milanese del design e dell’arte. Il suo lavoro si può suddividere in due grandi aree: prototipazione e costruzione di modelli e plastici per designer, aziende e agenzie in tantissimi ambiti industriali; consulenza e assistenza tecnica agli artisti nell’esecuzione delle loro opere.
Pierluigi Masini
Giornalista / Scrittore
Giornalista professionista, è laureato in Lettere, indirizzo Storia dell’Arte, all’Università degli Studi La Sapienza (Roma). Scrive per il Quotidiano Nazionale (Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione) e nel corso di trent’anni anni ha ricoperto vari incarichi nel Gruppo, fino a diventare direttore dei progetti editoriali. Ha un master in marketing e comunicazione e uno in digital marketing lab, acquisiti alla Business School de Il Sole-24 Ore. Ha insegnato all’Università degli Studi Carlo Bo di Urbino occupandosi prima di “Linguaggio dei media” e poi di “Mercato dell’Arte”. È stato membro del Cda di Ads e Audipress e del comitato scientifico del Design Prize. Di recente ha pubblicato per Odoya il libro Gabriella Crespi, Spirito e Materia, arte e design.
Elio Occhipinti
Psicologo
Laureato in Psicologia presso l'Università di Padova è iscritto all'albo degli Psicoterapeuti della Lombardia. Dopo una seconda laurea in Filosofia ha condotto ricerche filosofiche estese anche alle culture orientali. Questo impegno di ricerca ha ispirato nel 1985 la fondazione dell'Istituto Kuan, istituto per la diffusione della Medicina Cinese in Italia. È membro dell'American Psychological Association. Già docente di Psicologia della Comunicazione e di Medicina Psicosomatica presso diverse scuole, è presidente dell'Istituto di Formazione Europeo e docente in corsi ECM presso la Fondazione Maugeri di Montescano.
Marco Rossano
Antropologo
Documentarista sociologo visuale si occupa di sociologia e antropologia visuale all’Università di Barcellona dove nel 2016 ha concluso il Dottorato di Ricerca in Sociologia. Nel 2002 si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e tre anni più tardi consegue il Diploma di specializzazione in regia cinematografica frequentando il Centre d’Estudis Cinematografics de Catalunya. Nel 2006 ha frequentato e concluso il Master in Management per lo Spettacolo presso la SDA Bocconi. Esperto di video e organizzazione di eventi culturali e teatrali, ha lavorato al Piccolo Teatro di Milano (2006) e al Napoli Teatro Festival Italia (2009-2010). Ha realizzato documentari che hanno partecipato a diversi festival internazionali ed è impegnato anche nella scrittura di articoli accademici e racconti. La sua attività di ricerca si inserisce nel campo disciplinare della Sociologia e dell’Antropologia, collegate alla metodologia e alle tecniche audiovisive.
Patrizia Scarzella
Architetto / Giornalista
Architetto e giornalista, è esperta di comunicazione, consulente di aziende del settore design, curatore di progetti di ricerca, libri e mostre di design internazionali. È stata redattore della rivista Domus e scrive di design e architettura per riviste internazionali di settore. Ha insegnato all'Università La Sapienza di Roma, all’Università di Genova, all’Estonian Academy of Arts di Tallinn. Fondatrice e Vice Presidente dell’Associazione DComeDesign per la promozione della creatività femminile, ha ideato e conduce, con Valentina Downey, i LabBrainDesign. Dal 2010 si occupa in modo intensivo di design per il sociale, sviluppando progetti di formazione in contesti di disagio sociale in Asia e Africa e collabora con UNIDO - United Nations Industrial Development Organization. La ricerca fotografica, passione coltivata da sempre, è uno strumento importante del suo lavoro creativo.
Aldo Bottoli
Color e Perception designer
Svolge attività professionale e di ricerca negli spazi abitati pubblici interni ed urbani. Dopo molti anni di insegnamento presso la Scuola di Design del Politecnico di Milano, ha concluso l’attività curriculare nell’anno accademico 2014/15 con la cattedra di “Scenografia urbana e metodologia della progettazione” presso l’ Accademia di Belle Arti di Macerata, mentre oggi prosegue l’attività di formazione presso corsi universitari e Ordini Professionali. Relativamente agli spazi urbani propone una radicale evoluzione dei tradizionali “Piani del Colore” e negli spazi racchiusi sperimenta forme di coinvolgimento del gesto d’arte nel quotidiano. Con Giulio Bertagna è impegnato a promuovere un nuovo metodo di progettazione e gestione delle apparenze cromatiche chiamato ACD Advanced Color Design. È membro ADI - Associazione per il Disegno Industriale ADI al BEDA. Tra i soci fondatori del Gruppo del Colore - Associazione Italiana Colore, è membro del Consiglio di Presidenza e del Comitato tecnico scientifico.
Alice Barki
Industrial designer
Industrial designer, si laurea in Industrial Design alla NABA, approfondendo poi gli studi all'Università Elisava di Barcellona. Vincitrice di diversi concorsi di Design, ha esposto i suoi lavori alla Power Station of Art di Shanghai, al Salone del Mobile e al Fuori Salone di Milano. Parallelamente all’attività professionale ha intrapreso quella accademica, insegnando tecniche di modellazione digitale e interaction design. Nel mondo del design è orientata principalmente al product design, grafica e modeling 3D. Quest'ultimo, proiettato alla prototipazione rapida, le ha permesso di sviluppare progetti e collaborazioni con diverse aziende, tra cui DWS Systems e Zortrax, nell'ambito del design della stampa 3D, esponendo i suoi lavori al CES di Las Vegas, Formnext (Frankfurt), al Mecspe (Parma) e Maker Faire di Roma. Scrive articoli ed è relatrice in convegni e seminari sul tema del connubio tra prototipazione rapida e Design.
Stefano Moscatelli
Architetto
Si laurea in architettura al Politecnico di Milano e consegue poi un master in “Territorio e Architettura Sostenibile”. Dopo aver collaborato con lo studio EMBT di Barcellona, dal 2008 si occupa con Studio Moscatelli di progettazione architettonica e disegno urbano, ricevendo premi e riconoscimenti per progetti di riqualificazione di edifici e spazi pubblici. Ha pubblicato articoli per alcune riviste di settore come Ananke e Area e collaborato alla realizzazione delle monografie On the road – Milano e Archibook Expo 2015. Dal 2011 svolge attività didattica in Italia e all’estero. Ha tenuto presentazioni e conferenze presso l'Ordine degli Architetti PPC di Como e di Brescia, il Politecnico di Milano e la rassegna Floormart.
Mark Salerno
Designer
Dopo la laurea in Industrial design a Melbourne si trasferisce a Milano per completare un Master in cCar Design. Successivamente lavora per dieci anni come freelancer in studi professionali, affiancando l’attività di designer a quella di docente. Ha progettato per Sony, Chicco, Fiat, Ferrari, Indesit, Argotractors, Luxottica, Piaggio, Pirelli, Microsoft e altri ottenendo anche numerosi brevetti e premi. Attualmente senior Industrial Design Specialist di BTS Design Innovation, ha insegnato a oltre 500 studenti di Master e premaster a livello universitario. Crede fermamente nell'armonizzazione di più discipline e interessi nel tentativo di rendere il mondo, attraverso il design, un luogo migliore.
Lorenzo Gecchelin
Architetto e Designer
Laureato in architettura al Politecnico di Milano e dopo un'esperienza all'estero, dal 1997 si associa allo studio professionale di famiglia, che oggi dirige. Ha collaborato con diverse aziende nazionali e internazionali fra le quali: IGuzzini illuminazione, Ivela, Reggiani, Raat, Kelvin Italy, Aermec Sierra e Whirlpool. Nel 2002 vince il Compasso d'Oro ADI per lo spremiagrumi Latina di Fratelli Guzzini. La sua formazione da architetto ed il suo interesse per tutti gli aspetti della creatività e della tecnologia gli permettono di avere uno sguardo multidisciplinare che si estende dall'interior al graphic design, dalla fotografia all'illustrazione. Ha maturato esperienze didattiche in diverse realtà milanesi (tra cui il Politecnico di Milano e lo IED) prima di unirsi alla faculty di RM.
Anna Santi
Ricercatrice
Laureata in Architettura presso IUAV, Istituto Universitario di Venezia, ha conseguito il Dottorato di ricerca in Design per i Beni Culturali presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano (2014). Svolge attività di ricerca dedicata alla valorizzazione del patrimonio culturale attraverso l'utilizzo di materiali d’archivio, la digitalizzazione e la valorizzazione online per avanzati progetti curatoriali ed editoriali. Svolge attività di supporto e integrazione alla didattica con seminari teorici e laboratori di progettazione. È coinvolta in progetti di ricerca e coordinamento espositivo a livello accademico (PRIN e FARB al Politecnico di Milano) e istituzionale (Galleria dell’Architettura di Mendrisio, La Triennale di Milano, Studio NCTM). Organizza workshop e progetti di residenza internazionale (NAHR, Bergamo), conferenze ed eventi culturali. Scrive di design, arte e architettura per blog e riviste online.
Alessandro Barzaghi
Motion designer
Graphic Designer, si avvicina a una varietà di media con coerente intento cinematografico. Ne nasce una forte passione per la Motion Graphic, sperimentata attraverso una serie di eclettiche opere visive. Tra i primi video, “Yanez” di Davide Van des Froos, in concorso al 61° festival di Sanremo colleziona più di quattro milioni di views. Per dare corpo e forma ai suoi progetti dà vita nel 2011 a Workroom, uno studio orientato alla creazione di animazioni e all'espressione di concetti tramite il Motion Design. Il suo metodo creativo è orientato ad un design dinamico, esteticamente essenziale, progettando animazioni che difendano il potere della semplicità. Ha lavorato fra gli altri per Flos, Vogue, Triennale Milano, Bmw, Max Mara, Nike, Harvard Business Publishing e Il Sole 24 Ore. È consulente per diversi brand e testate di moda. I suoi lavori sono apparsi su importanti media internazionali.
Monica Ferrigno
Designer
Matteo Origoni
Architetto
Marco Capellini
Architetto
Raffaele Ferrante
Design management expert
Sara Selmi
Industrial designer
Stefano Frattini
Visual designer
Designer della comunicazione e fotografo, lavora come grafico e art director nel campo editoriale (Skira, Rizzoli). Dal 2005 presso lo Studio Gentili segue progetti di brand identity (Autogrill, Fiat, Volkswagen, Corriere della Sera, Guzzini). Nel 2009 è in Argentina con l’ONG AVSI per sviluppare progetti di comunicazione per il Ministero Affari Esteri. Dal 2010 si occupa di visual design e fotografia. Insieme hanno fondato lo studio di visual e brand identity Elce.
Valentina Di Francesco
Visual designer
Designer della comunicazione e giornalista, affianca all’intensa attività editoriale con la rivista Lotus International, la realizzazione di mostre nel campo dell’architettura e del design (Biennale di Venezia, Triennale di Milano). Laureata in Disegno Industriale è stata docente presso la facoltà del Design del Politecnico di Milano. Diplomata in fotografia al CFP Bauer lavora come fotografa e ricercatrice; nel 2001 è la prima cool hunter corrispondente da Milano per l’Istituto di Ricerca Future Concept Lab.
Carlo Dameno
Designer
Dal 1996 al 2000 ha collaborato con Carmelo Di Bartolo, dove ha seguito come Responsabile di progetto aziende come Lego Futura, Gillette, Fiat, Sunstar, Oral B, Lavazza e Bosch. Nel 1999 è entrato in Design Innovation come coordinatore dell’area ricerca bionica e concept design, e in questo ambito ha sviluppato progetti per Fiat, Piaggio, Tensoforma, Ariete e altri. Nel 2008 ha fondato insieme a Monica Ferrigno Ildoppiosegno, uno studio di design con una doppia identità: una rivolta al disegno industriale, e l’altra alla ricerca. Lo studio ha lavorato per clienti come Bayer, Status, United Pets, New Holland, Samsung, Piazza, iBarzaghi. Ha tenuto lezioni di bionica a Torino, Madrid, Milano e all’Istituto Tecnologico di Aragona, Saragozza. È tutor del laboratorio di creatività e progettazione al corso di laurea in Comunicazione di impresa allo IULM di Milano. Partecipa a BIOMA, simposio internazionale di bionica e design, Università di Aveiro.
Camilla Fecchio
Designer
Si è laureata presso il Politecnico di Milano in Industrial design con specializzazione in Communication design, e nel 2007 ha conseguito il Diploma di Alta Scuola Politecnica. Si è occupata di ricerca e consulenza aziendale lavorando prima presso il Dipartimento di Ingegneria gestionale del Politecnico di Milano, occupandosi di innovazione guidata dal design, e poi nello studio Design Innovation, la struttura creata nel 1998 da Carmelo Di Bartolo e Maria del Pino Molina Betancor, con il ruolo di coordinatore di progetti strategici e di Advanced design. Ha svolto attività di docenza al Politecnico di Milano e nel 2010 è stata coordinatore didattico di DIBA Design Innovation Business Academy. Nello stesso anno è diventata docente e coordinatore del corso di Creatività e Progettazione della Facoltà di Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Pubblicità dell’università IULM. Dal 2012 si occupa anche di progetti di grafica e comunicazione per il web.
Paolo Ranzani
Fotografo
Nato a Torino nel 1966, ha frequentato il Dipartimento di Fotografia dell’Istituto Europeo di Design. Dopo gli studi, ha intrapreso la carriera di fotografo, spaziando dai ritratti e dagli scatti di celebrities ai settori beauty, fashion e advertising. Il suo portfolio comprende lavori per FIAT, Iveco, Lavazza, Chicco e Oréal. Ha curato l'immagine per vari personaggi dello spettacolo, fra i quali Arturo Brachetti, Luciana Littizzetto, Subsonica, Fernanda Lessa, Antonella Elia, Neja. Negli ultimi anni ha allargato la ricerca al linguaggio video, sia come regista che come direttore della fotografia (suo è il videoclip Alfonso di Levante). Ha pubblicato i libri Ecce Femina (2000), 99 per Amnesty (2003), La Soglia. Vita, carcere e teatro e Go 4 it/Universiadi 2007. È referente del collettivo artistico 4k per il progetto Torino Mosaico e del collettivo artistico Dead Photo Working per il progetto di apertura di Luci d'Artista a Torino. Ha ideato e organizzato il concorso fotografico internazionale OPEN PICS per il Salone del Libro di Torino. È Presidente di AFIP Torino.
Carlo Forcolini
Designer
Nato nel 1947, nel 1969 si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1975 al 1979 ha lavorato per ICF De Padova e in parallelo ha iniziato a collaborare con Vico Magistretti, uno dei maestri del Design italiano. Dal 1978 al 1984 ha vissuto a Londra, dove è stato fra i fondatori di Alias ed è diventato Director di Artemide G.B. Nel 1992 ha fondato Nemo, e nel 1999 Forcolini.Lab. Nel 2005 ha fondato Oylight. Nel corso degli anni ha progettato per Amar, Cassina, BBB Bonacina, Luceplan, Luci Italia, Gervasoni, Joint, Pomellato. Dal 2001 al 2007 è stato Presidente di ADI Associazione per il Disegno Industriale. Nel 2007 è diventato membro del Consiglio Italiano del Design. Dal 2009 al 2014 è stato, in ordine, Ceo del Gruppo IED, Vice presidente e Direttore scientifico. Suoi progetti sono nelle collezioni del Cooper Hewitt Museum di New York, nel Museo delle Arti decorative di Parigi, nel Museo del Design della Triennale di Milano e nella Collezione del Compasso d’Oro ADI. Ha esposto a Madrid, Los Angeles, Londra, Amburgo, Colonia, Tokyo, Sidney, Santiago, Mosca, Oslo, Napoli, Milano, Toronto e Bruxelles.
Chiara Grandesso
Graphic designer
Dopo il diploma in Accademia di Comunicazione a Milano, ha conseguito un Master in Communication Art & Design al Royal College of Art di Londra. Ha vinto una borsa di studio per approfondire le sue ricerche alla Kyoto City University of Arts. Ritornata in Europa, si è aggiudica il premio Parallel Prize e successivamente è stata chiamata da Philippe Starck per iniziare una collaborazione nello studio di Parigi. Dopo questa esperienza, è rientrata in Italia, dove pur mantenendo un rapporto di collaborazione con lo studio, ha portato avanti progetti di Graphic design in proprio. Ha ricevuto riconoscimenti dall’ADCI e dalla Commissione Cultura di Padova.

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O – Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L’Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.

Monday Talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.30 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.

Ammissioni

Le richieste di ammissione possono essere inoltrate scaricando il modulo ed inviandolo a triennali@rm-modaedesign.it oppure con contatto telefonico diretto con la segreteria.

Tassa di ammissione:
I candidati per l’ammissione dovranno versare una tassa pari a 100 euro.

Documentazione di ammissione:
– lettera di motivazione
– passaporto o carta d’identità per gli studenti italiani o cittadini EU-EFTA
– ricevuta del pagamento della tassa di ammissione di 100 euro.

I candidati saranno contattati dall’Admission Team per un colloquio di ammissione con il Coodrinatore Accademico: si tratta di un momento di confronto aperto in cui il Candidato può esplicitare chiaramente le proprie motivazioni personali e essere informato sulle linee guida dell’Istituto (impegno, dedizione, comportamento, regolamento generale della didattica).

Ai candidati, se il risultato del colloquio è stato positivo, viene inoltrata la risposta ufficiale di accettazione della richiesta di ammissione, che resta non vincolante per il Candidato.

Scarica il modulo di ammissione qui ed invia tutta la documentazione a: triennali@rm-modaedesign.it

Confermare l’iscrizione alla classe

I candidati possono procedere con l’iscrizione una volta ricevuta la mail di ammissione. Hanno 30 giorni per inviare i documenti di iscrizione e versare la tassa di iscrizione per confermare la propria iscrizione al corso scelto.

Rette

Rette annuali valide per le nuove iscrizioni fino al 29 febbraio 2020:

Studenti dell’Unione Europea ed EFTA
Tassa d’iscrizione + retta annuale secondo le quattro categorie di fasce di reddito familiare ISEE:

I Fascia di reddito fino a 40.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 5.000 euro

II Fascia di reddito da 40.001 a 70.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 7.000 euro

III Fascia di reddito da 70.001 a 100.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 9.000 euro

IV Fascia di reddito oltre a 100.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 12.000 euro

Studenti extra Unione Europea
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 16.000 euro

 

Nuove rette annuali valide per le nuove iscrizioni dal 1° marzo 2020:

Studenti dell’Unione Europea ed EFTA
Tassa d’iscrizione + retta annuale secondo le sei categorie di fasce di reddito familiare ISEE:

I Fascia di reddito fino a 20.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 5.500 euro

II Fascia di reddito da 20.001 a 40.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 6.200 euro

III Fascia di reddito da 40.001 a 70.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 8.500 euro

IV Fascia di reddito da 70.001 a 100.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 11.000 euro

V Fascia di reddito da 100.001 a 125.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 14.500 euro

VI Fascia di reddito oltre a 125.000 euro
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 16.000 euro

Studenti extra Unione Europea
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza annuale: 16.000 euro

 

L’importo può essere versato in un’unica soluzione, oppure in altre due rate dopo quella dell’iscrizione: la prima entro l’inizio del Primo Semestre, la seconda entro l’inizio del Secondo Semestre.

Nota: per gli studenti immatricolati prima del 29 febbraio 2020 (o già frequentanti regolarmente gli anni accademici precedenti al 2020/21) le rette annuali restano invariate.

Richiedi Info
Richiedi Ammissione