RM Istituto Moda e Design
FDW
Master RM Istituto Moda e Design

Fashion design Womenswear

Alle sorgenti dell'emozione
Dieci mesi straordinari. Dieci docenti top level in aula, uno al mese. Dieci occasioni uniche per imparare direttamente dai protagonisti. Master di Raffles Milano. Finalmente qualcuno ci ha pensato.
Durata
10 mesi
Crediti
60
Data d'inizio
Febbraio
Lingua
Inglese

Course leader

Gabriele Colangelo
Fashion designer
È nato a Milano nel 1975. È nell’atelier di famiglia, specializzato nella realizzazione di capi in pelliccia, che sin da piccolo muove i primi passi, ed è dai genitori che apprende la cura nel realizzare le sue collezioni. Ancora giovanissimo e con studi classici alle spalle, vince una borsa di studio della Camera Nazionale della Moda come Fashion stylist. Inizia disegnando la linea Versace Jeans Donna. A questo primo incarico seguono collaborazioni più importanti con la maison Versace e con Just Cavalli Donna. Poco a poco prende forma la visione della donna di Gabriele Colangelo: intimista, discreta, raffinata, portatrice di una grazie senza tempo ma aperta alle innovazioni. La prima capsule-collection debutta nel 2008, e dello stesso anno è il premio Who is Next di Alta Moda Roma e Vogue Italia. Nel 2015 è nominato Direttore creativo del marchio GIADA, fondato da Rosanna Daolio in Italia nel 2001 e protagonista di una crescita straordinaria in Cina a partire dal 2006. Nel 2016 viene insignito del riconoscimento IDA International Design Award for Fashion.

Perché?

Creatività vuol dire sperimentare attraverso la conoscenza e l’elaborazione della tradizione. A sua volta la tradizione, filtrata da una sensibilità contemporanea e avvalendosi delle nuove tecnologie, si trasforma nel nuovo. Il sistema della moda funziona come riflesso del contemporaneo e come anticipazione del futuro prossimo, ma anche come sogno, come emozione. È sempre l’emozione il principio motore dell’atto creativo.

Opportunità professionali

Il Master è progettato per aderire alla realtà lavorativa grazie alla possibilità di confronto e apprendimento a diretto contatto con figure che rivestono ruoli centrali nelle aziende. Il percorso mira a sviluppare negli studenti il potere delle idee come forza generatrice di prodotti, andando oltre la creatività di maniera. Si tratta di una formazione avanzata che mette a contatto con tutti gli aspetti del progetto, dal pensiero alla realizzazione, dalla presentazione alla comunicazione. Alla fine del percorso, i partecipanti sono pronti per inserirsi in modo efficace nelle aziende.

A chi si rivolge

Il Master si rivolge a laureati in discipline del Design, giovani designer, Fashion designer e progettisti, e in generale a tutti coloro che vogliano approfondire conoscenze già acquisite, confrontandosi con professionisti che lavorano sul campo e mettono a disposizione la loro esperienza, la loro sensibilità e la loro visione.

Programma

Gli studenti lavorano sull’impostazione e sul processo della collezione. L’idea creativa prende forma passando attraverso i due elementi di base: il tessuto, con le sue infinite soluzioni e possibilità di sperimentazione, e il modello, espressione del volume applicata alla materia. La collezione viene editata applicando il metodo dello styling, con l’obiettivo di esaltarne l’impatto e rendere il messaggio più netto e incisivo. La presentazione viene pensata come sfilata tenendo conto delle possibilità mediatiche di condivisione.

Argomenti

  • Formulazione del concept di collezione.
  • Approfondimento dei materiali.
  • Tradizione e tecnologie d’avanguardia.
  • Sperimentazioni materiche.
  • Analisi delle caratteristiche del prodotto.
  • Styling.
  • Art direction.
  • Presentazione e sfilata.
  • Nuove metodologie di comunicazione del prodotto.

Studente dell'anno

Al termine di ogni anno accademico RM premia il miglior talento di ogni anno di corso.
Il riconoscimento viene conferito allo studente che, per carriera accademica e portfolio, si sia distinto nella valutazione sia di una commissione di docenti interni sia di quella di una commissione di professionisti esterni, chiamati in questo caso a giudicare un portfolio garantito dall’anonimato.
Nel caso di classi composte da 20 studenti, al riconoscimento ufficiale RM è inoltre associato il rimborso completo della retta annuale versata dallo Studente dell’anno.

Docenti di progetto

Imparare direttamente dai protagonisti vuol dire acquisire alla fonte le visioni e i metodi più avanzati. A differenza dei Master tradizionali, i Master Raffles Milano portano in aula saperi in azione grazie a 10 professionisti ai vertici del mercato che si alternano in aula nell’arco dei dieci mesi.
Ogni professionista passa con gli studenti un mese. 8 mesi da 4 settimane e 2 mesi da 3 settimane.
Per ogni settimane è previsto un giorno da 6 ore e un giorno da 8 ore di lezione con il professionista.
Al termine di ogni mese lo studente riceve una valutazione sul progetto realizzato.
Alcuni dei professionisti potrebbero essere sostituiti durante il Master, con altri professionisti ai vertici del mercato, mantenendo invariato il livello della Faculty internazionale.

Leila Palermo
Direttore comunicazione
Nata a Milano, ha seguito la famiglia negli Stati Uniti e poi a Roma, prima di tornare definitivamente a Milano, dove vive e lavora. Dopo gli studi umanistici ha frequentato l’Istituto Europeo di Design con indirizzo Grafica e Art direction. Ha lavorato a lungo come grafica in riviste di moda e bellezza, diventando nel 1990 giornalista professionista. In seguito, ha collaborato come consulente con diverse agenzie, occupandosi di strategie di comunicazione e d’immagine per aziende come Pollini, Wella e Gruppo La Perla. Nel 1995 ha fondato Next Agency, agenzia di comunicazione specializzata in brand development, start up, posizionamento e rilancio di marchi italiani e internazionali, consulenza d’immagine, e soprattutto ricerca e cura di nuovi talenti. Negli ultimi anni ha lavorato su progetti di respiro internazionale per Dr. Martens, Repetto, Zadig & Voltaire, Byblos, Mila Schön, e ha curato a livello strategico la nascita di diverse start up nella moda. Nel suo lavoro è affiancata da alcuni dei nomi più interessanti della creatività italiana.
Saverio Palatella
Designer
Il suo percorso nella moda è iniziato nel 1980, quando ha iniziato a frequentare la scuola internazionale di Fashion design i Ecole Berçot di Parigi. Nel 1990 Elle France lo ha incluso fra i primi 8 New European Fashion Designers, accanto a Marcel Marongiu, Katharine Hamnett, JohnGalliano, Martin Margiela, Jean Colonna, Rifat Ozbek e Dolce & Gabbana. È uno degli esperti di maglieria più seguiti dalla stampa e dai buyer nel campo della trasformazione della maglieria da accessory a ready-to-wear. Le sue sfilate raccontano il concetto di “tricot couture”, una tendenza che è stata ripresa da molti creativi. I suoi prodotti di alta gamma incarnano il valore di un Made in Italy senza tempo. Il suo primato consiste nell’usare le fibre di qualità elevatissima, esaltando il dettaglio. Nella comunicazione, ha esplorato molte vie per incontrare le emozioni del pubblico, collaborando con artisti del teatro, della musica, dell’arte e della videoarte. È stato consulente per marche come Gentry Portofino, Dupont, Shima Seiki, Malo e Lamberto Losani.
Luigi Cassiano
Designer
Originario del Salento (Puglia), ha frequentato il Corso di Moda all’Istituto Europeo di Design di Milano, dove si è diplomato nel 1998. Già durante gli studi ha iniziato a collaborare con lo stilista Luciano Soprani, coordinando lo sviluppo dei capi di maglieria. Seguendo l’interesse per le nuove tecniche, ha lavorato con Raffaella Curiel alla creazione di abiti di alta moda. Dopo le prime esperienze nell’ambito dello stile, si è avvicinato al mondo del tricot. Ha collaborato con Giuliano Marelli per la Filatura Grignasco, e in parallelo ha conseguito il Master in Fashion design alla Domus Academy. Ha collaborato allo sviluppo dei campionari per le collezioni uomo e donna di Kiton, Loewe e Givenchy. In Ghioldi si è occupato dello sviluppo di campioni delle collezioni donne di maglieria e maglieria stampata per diverse griffe italiane ed estere, e ha sperimentato nuove lavorazioni per la realizzazione dei capi. Attualmente è il Responsabile dello sviluppo dei campionari delle collezioni e accessori nel Maglificio Scaglione.
Roberta Giacobbe
Direttore artistico
Nel 1994 si è diplomata in Fashion design all’Istituto Marangoni di Milano, e nello stesso anno è entrata come assistente nello studio di Pia Grattarola. L’anno successivo è passata allo studio di Giancesare Conca, dove si è occupata di studi e ricerca stilistica, disegni tecnici e illustrazioni, produzione. Nel 1998 è entrata in Giorgio Armani, dove è rimasta per quattro anni diventando Senior designer di Emporio Armani Uomo. Dal 2002 al 2008 ha lavorato in Dolce & Gabbana come Responsabile Sportswear, Pelle e Linea Gym della prima linea Menswear, occupandosi di una serie di attività: ricerca stile, grafica, input e sviluppo collezione, ricerca materiali e accessori, coordinamento del team di designer, sdifettamento e fitting, coordinamenti di sfilata e pre-collezione, shooting fotografici, look-book, cataloghi e stampa internazionale. Nel 2008 è stata chiamata da Fontana Pelletterie come Direttore creativo della linea Fontana Milano 1915, una linea lusso per uomo e donna di accessori da viaggio, borse, piccola pelletteria e cinture.
Pina Gandolfi
Fashion e Style Editor
Fashion & style editor di Rolling Stone Italia, nel corso della sua carriera si è specializzata in ricerca creativa e impostazione dell’immagine delle testate, a stretto contatto con responsabili marketing ed editori. Ha collaborato con i più importanti fotografi e art director internazionali del settore moda e cosmetica, condividendo scelte strategiche e politiche editoriali delle testate giornalistiche. È entrata nel mondo della moda negli anni ’80 lavorando per Amica, Lei, Vogue Bambini e Donna come editor di servizi moda e cover editoriali. Dal 1990 al 1992 è stata direttore creativo dell’agenzia Barbara Falanga. Dal 1993 al 1996 ha collaborato con Donna, Moda Uomo e Donna & Bambini, approdando infine ad Anna (successivamente A), testata dove è rimasta sino al 2011 come responsabile dei progetti moda. Dal 2011 al 2014 è stata direttore moda di Myself e dal 2015 è stata contributing editor per la realizzazione di servizi firmati e speciali moda nazionali e internazionali di Vanity Fair.
Lucilla Giovanninetti
Designer
Nel 1988 si è laureata in Lettere moderne all’Università di Milano. Ha conseguito gli studi di perfezionamento post universitario all’Università di Bologna per Operatori del settore moda, acquisendo gli strumenti per diventare product manager e coordinatore di linea. Nel corso degli anni frequentato corsi professionali di oreficeria, modellazione della cera, smalti a fuoco, tecniche pittoriche, modellismo e confezione, storia del tessuto e pelletteria. Dal 1991 al 2000 ha progettato e realizzato linee di bigiotteria e accessori in esclusiva per aziende produttrici di abbigliamento, pelletteria e cosmesi. Nel 1992 ha creato un suo marchio, Lucilla Gi, una linea di abbigliamento e accessori per la donna fino alla taglia 54. Nel 2007 ha realizzato una sua linea di gioielli in argento, ottone, bronzo e tessuto con marchio Eandare. Dal 1995 al 2002 ha insegnato Progettazione di bigiotteria e accessori all’Istituto Europeo di Design di Milano. Nel 1999 e 2000 ha tenuto corsi di Fashion stylist e Analisi e progettazione di accesori all’European Fashion School di Milano.
Giuseppe Silvestrin
Regista / Produttore
Con un background di comunicazione visiva e architettura (Politecnico di Milano), ha iniziato la carriera molto giovane negli anni ’90, collaborando con lo studio Ikon, una fra le più importanti case di produzione di eventi in Italia. In quel periodo ha lavorato a stretto contatto con i registi Roberto Cacciaguerra e Giulio Cingoli. Nel 1995 ha fondato Silvestrin & Associati, e ha iniziato a operare come producer e regista di sfilate, eventi e mostre nell’ambito del lusso, della moda, del beauty e dell’arte. Ha curato progetti, fra gli altri, per Gianni Versace, Etro, Bmw, Richemont Group e per le testate Vogue, Uomo Vogue, Vanity Fair. Negli ultimi anni ha curato la regia e la produzione di eventi speciali a Pechino, Shanghai, Dubai, Jeddah e Sydney. Alla base del suo metodo di lavoro, c’è la supervisione diretta di tutte le fasi del progetto creativo e della produzione, con una cura estrema del dettaglio dell’execution.
Andrea Sagrini
Designer
In parallelo con gli studi in Economia e commercio, ha lavorato in teatro come attore e costumista. Dopo la laurea e i primi passi come disegnatore, è stato assunto in Les Copains, del Gruppo BVM, prima come disegnatore e poi come Fashion coordinator. Con Ursula Conzen, di cui ha seguito la collezione prodotta da BVM, si è occupato per qualche stagione dello stile di Agnona. Negli anni successivi è entrato nel Gruppo Max Mara come Fashion coordinator della collezione Marella. Una svolta importante nella sua carriera è avvenuta quando ha incontrato Gianfranco Ferrè. Si fermerà nella sua maison per 11 anni. Successivamente, ha collaborato con il licenziatario in Cina della collezione Ferré Milano come Direttore artistico e designer, mantenendo vivo il dna Ferré. Come esterno ha collaborato alle collezioni di Salvatore Ferragamo, Tru Trussardi, Block ed Erreuno, in Giappone di alcuni marchi del gruppo Onward Kashyama e in Turchia della collezione Perspektive, oltre ad aver collaborato con alcuni importanti marchi a Milano e Parigi.
Michela Gottardo
Si è diplomata all’Istituto tecnico di setificio Carcano di Como nella specialità di Tessitura e successivamente ha frequentato un corso di specializzazione organizzato dall’Associazione serica di Como, in cui ha approfondito sia tematiche legate al prodotto tessile jacquard e stampa, sia aspetti di marketing e tecniche di vendita. Dopo gli studi, è entrata in Mantero seta, dove è arrivata a gestire in piena autonomia clienti del mondo dell’abbigliamento con esigenze di logica industriale, come Gruppo Max Mara, Aeffe, Gilmar, Bvm. È stata fra i soci fondatori della Compagnia della Seta. Ha lavorato per Isa seta, seguendo in particolare i clienti di fascia alta e gli stilisti. È stata direttore Commerciale della Divisione tessuti per abbigliamento di Canepa, e infine si è spostata in Ostinelli seta, dove oggi ricopre lo stesso ruolo. Nelle due ultime esperienze ha fortemente contribuito al rilancio del reparto abbigliamento, intervenendo sulla parte commerciale, sull’organizzazione interna ma soprattutto su tutto ciò che è collegato allo sviluppo del prodotto.
Alba Ornaghi
Designer
Nata a Milano, dopo la maturità artistica ha approfondito e sviluppato i suoi interessi creativi all’Istituto Marangoni di Milano, specializzandosi in più tipologie di prodotto. Dopo gli studi, ha mosso i primi passi come designer d’abbigliamento nei settori della moda, della pellicceria, della maglieria e degli accessori, lavorando per diversi brand italiani. Nel 1986 è entrata in Maison Versace, dove ha intrapreso un percorso che si è protratto lungo un arco ventennale, occupandosi della gestione delle collezioni in area prodotto. Ha collaborato con Istituti tecnici per periti tessili come docente di metodo all’interno di Master di Eccellenza moda. Attualmente si occupa di Alta moda in Armani, ricoprendo il ruolo di unica responsabile e coordinatrice Privé.

Docenti di metodo

Ci sono conoscenze e abilità anche teoriche che non si imparano in corsa e richiedono un approfondimento ad hoc. Non si sa quando potranno servire, ma una cosa è certa: serviranno.
Gli studenti per questo motivo hanno durante i 10 mesi 200 ore di lezioni con i Docenti di metodo, le lezioni vengono distribuite durante i 10 mesi di Master.
Alcuni dei Docenti di metodo potrebbero essere sostituiti durante il Master, mantenendo il livello della Faculty invariato.

Giovanni Pelloso
Storico / Critico fotografico
Giornalista e critico di fotografia del Corriere della Sera per le pagine di ViviMilano, ha partecipato a progetti editoriali per Mondadori Portfolio – suo è lo scritto dedicato a Mario De Biasi, Giorgio Lotti e Angelo Cozzi –, Hachette e Canon Italia. Co-autore del Dizionario mondiale della fotografia(Rizzoli/Contrasto, 2002), collabora con i mensili NPhotography e Photo Professional ed è caporedattore della storica rivista Il Fotografo. Ha condotto workshop e seminari dedicati alla fotografia all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, all’Istituto Italiano di Fotografia e all’agenzia Contrasto. I suoi interessi di ricerca si concentrano sulla prassi e sulla teoria della sociologia dei consumi e della pubblicità. Docente a contratto, dal 2005 svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dell’Università IULM di Milano. Insegna fotografia al LAO dal 2013. È ricercatore associato dell’Acquario Civico di Milano.
Venucia De Russi
Modellista
È modellista e creatore di campioni per uomo e per donna. Nel 1977 ha fondato il proprio studio a Marostica (Vicenza), iniziando quel percorso che la porterà a collaborare con i nomi più interessanti della scena della moda, fra i quali Diesel, Dsquared, Neil Barrett, Rick Owens, Chloé, G-Star. Agli inizi degli anni ’80 ha preso parte alla nascita di Genius Group, un progetto voluto da Adriano Goldschmied dal quale sono nate aziende leader come Goldie, Diesel, Replay, Bo-Bo Kaminsky e Katherine Hamnett. Grazie a questa esperienza, ha potuto avvicinarsi a una dimensione internazionale del lavoro. Nel corso degli anni, ha avuto il privilegio di lavorare per marchi come Elio Fiorucci, Body Map, Versus di Versace, Armani Jeans, Valentino, Calvin Klein, Donna Karan, Ralph Lauren, Jil Sander, Moschino, Gianfranco Ferré, Marithé Francois Girbaud, Alexander McQueen, Yohji Yamamoto, Olivier Theyskens, Just Cavalli e tanti altri.

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O – Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L’Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.

Monday talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.30 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.

Ammissioni

Le richieste di ammissione possono essere inoltrate via mail (attraverso un form da compilare sul sito RM) oppure con contatto telefonico diretto con la segreteria. Al ricevimento dei documenti richiesti e di una lettera motivazionale redatta dal Candidato, la Direzione fissa la data per un un colloquio conoscitivo con il Course leader o con il College Director se necessario.

Ai candidati, se ritenuti idonei, viene inoltrata la risposta ufficiale di accettazione della richiesta di ammissione, che comunque resta non vincolante per il Candidato.

Documentazione di ammissione:
– curriculum vitae
– portfolio artistico e/o professionale
– lettera di motivazione
– piano degli studi precedente
– documentazione su corsi e workshop frequentati
– certificato di conoscenza della lingua inglese
– passaporto o carta d’identità per gli studenti italiani o cittadini EU-EFTA
– ricevuta del pagamento della tassa di ammissione di 100 euro.

I candidati potranno inviare la documentazione di ammissione all’indirizzo email: master@rm-modaedesign.it

Per richiedere maggiori informazioni, compilare il form “Richiesta info”.

Rette

A seguito della comunicazione ufficiale della Direzione sull’ammissibilità del Candidato, si può procedere alla fase di iscrizione. Tutti gli studenti in possesso dei requisiti – al momento della formalizzazione dell’iscrizione – devono versare la tassa d’iscrizione, alla quale deve essere integrata la retta annuale prima dell’inizio del corso.

L’importo può essere versato in un’unica soluzione, oppure in altre due rate dopo quella dell’iscrizione: la seconda entro l’inizio del Primo Semestre, la terza entro l’inizio del Secondo Semestre.

Per gli studenti internazionali è prevista la sola opzione di pagamento in un’unica rata al momento dell’iscrizione.

Studenti del’Unione Europea ed EFTA
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 12.000 euro

Studenti extra Unione Europea
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 16.000 euro

Tassa di ammissione
Per fare domanda di ammissione al Master, occorre versare una tassa di ammissione di 100 euro.

Borse di studio

RM mette a disposizione per ogni Anno Accademico rilevante numero di Borse di Studio internazionali.

Per garantire l’accesso agevolato a talenti italiani e internazionali.

Le Borse vengono annunciate sul sito istituzionale di RM con almeno 6 mesi di anticipo rispetto all’attivazione dei Master di Novembre e Febbraio.

Richiedi Info
Richiedi Ammissione