Raffles Milano Istituto Moda e Design
FSD
Master RM Istituto Moda e Design

Fashion design

Verso un'eleganza senza tempo
Dieci mesi straordinari. Dieci docenti top level in aula, uno al mese. Dieci occasioni uniche per imparare direttamente dai protagonisti. Master di Raffles Milano. Finalmente qualcuno ci ha pensato.
Durata
10 mesi
Ore
820
Data d'inizio
Febbraio
Lingua
Inglese

Course Leader

Cristina Ortiz
Fashion designer
È nata ad Aragon, Spagna. Fino all’età di 16 anni ha vissuto a Tenerife, Isole Canarie, un set fatto di mare, sole e vulcani perfetto per coltivare la creatività. Dopo il diploma conseguito nel 1986 alla prestigiosa École de la chambre syndicale de la couture di Parigi, ha intrapreso una carriera che l’ha portata ai vertici di grandi maison internazionali. È stata direttore creativo di Prada Donna fino al 1997, quando è diventata stilista ufficiale di Maison Lanvin. Dopo questa esperienza, è diventata direttore creativo della linea donna di Brioni, ruolo ricoperto fino al 2008, quando è approdata in casa Ferragamo. Qui è riuscita nella non facile impresa di far tornare agli antichi fasti il glamour e il fascino di Salvatore Ferragamo, trasformandolo in un marchio contemporaneo dalla forte identità. Spontanea, energica, multiculturale, è portavoce di una moda elegante ma portabile, senza eccessi. Oggi continua a collaborare con diversi marchi, e in parallelo porta avanti ricerche personali e lavora al lancio di una sua linea di gioielleria.

Perché?

La moda è educazione al bello, capacità di esprimere pensieri ed emozioni, la manifestazione più diretta del contemporaneo. Colori, forme e materiali in perfetta armonia. È la più viva delle forme d’arte, che vive delle persone, nella vita reale. Come in una grande pièce teatrale, la messa in scena è fondamentale nel gioco della seduzione, ma la parte non può stare per il tutto. Per riuscire a riconquistare un consumatore sempre più sollecitato e probabilmente confuso, c’è bisogno di tornare alla sostanza attraverso una preparazione tecnica approfondita.

Opportunità professionali

Il Master è concepito per magnificare l’unicità del genio creativo del singolo studente, ma ha anche lo scopo di formare figure professionali altamente qualificate, dinamiche, facilmente inseribili nel mondo del lavoro. Al termine dei 10 mesi di studio, grazia a un’approfondita conoscenza dell’intero processo di lavoro, gli studenti troveranno occupazione all’interno degli Uffici stile Uomo di aziende moda italiane ed internazionali.

A chi si rivolge

Il Master si rivolge a laureati in Design, diplomati di Accademie di costume e moda, ma anche a giovani designer desiderosi di confrontarsi con professionisti del mondo del lavoro per aprirsi a nuove forme di sperimentazione e nuovi orizzonti estetici. L’obiettivo è formare i futuri protagonisti del mondo della moda dotati di una visione creativa indipendente e unica, e allo stesso tempo di una forte capacità di penetrare la complessità di un mercato altamente volubile.

Programma

Nel corso del Master, gli studenti acquisiscono una visione a tutto tondo della fashion industry, lavorando fianco a fianco con i professionisti che guidano il mercato del lusso di oggi. Si analizzano trend di costume e macro business, si parla di estetica applicata alla moda, si creano board, si lavora a una ricerca mirata guidati da esperti del settore. Ma soprattutto si lavora insieme step-by-step alla costruzione di una collezione, sia sul portfolio che sul capo reale. E infine, si impara a fare styling ed editing, fino a gestire la messa in scena finale.

Argomenti

– Creazione mood board.
– Ricerca.
– Sviluppo collezione.
– Merceologia tessile.
– Estetica.
– Art direction.
– Styling.
– Portfolio.
– Presentazione.
– Produzione.

Studente dell'anno

Al termine di ogni anno accademico RM premia il miglior talento di ogni anno di corso.
Il riconoscimento viene conferito allo studente che, per carriera accademica e portfolio, si sia distinto nella valutazione sia di una commissione di docenti interni sia di quella di una commissione di professionisti esterni, chiamati in questo caso a giudicare un portfolio garantito dall’anonimato.
Nel caso di classi composte da 20 studenti, al riconoscimento ufficiale RM è inoltre associato il rimborso completo della retta annuale versata dallo Studente dell’anno.

Endorsement

Per la qualità e l’efficacia del modello didattico, il Master ha ottenuto il patrocinio:

GQ ITALIA
Magazine
GQ, Gentlemen’s Quartely, è il brand della casa editrice Condé Nast da oltre settant’anni leader mondiale nel settore dei maschili. Nasce nel 1931 ed è oggi pubblicato in 19 Paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Italia, Germania, Spagna, Giappone, Taiwan, Messico, India, Brasile, Russia, Australia, Cina, Corea del Sud, Portogallo, Sud Africa, Tailandia, Turchia. Diretto da Giuseppe De Bellis, in Italia esce dal 1999 ed è il primo maschile di stili di vita a debuttare nel nostro paese. GQ rappresenta “The Authority on Men”, completamente dedicato allo stile e alla cultura al maschile. Si relaziona con tutte le sfaccettature dell’universo dell’uomo in maniera nitida e puntuale. Il brand si basa sul concetto di stile che caratterizza le storie, i personaggi e i fatti raccontati, fornendo i nuovi standard del Gentleman contemporaneo.

Docenti di progetto

Imparare direttamente dai protagonisti vuol dire acquisire alla fonte le visioni e i metodi più avanzati. A differenza dei Master tradizionali, i Master Raffles Milano portano in aula saperi in azione grazie a 10 professionisti ai vertici del mercato che si alternano in aula nell’arco dei dieci mesi.
Ogni professionista passa con gli studenti un mese. 8 mesi da 4 settimane e 2 mesi da 3 settimane.
Per ogni settimane è previsto un giorno da 6 ore e un giorno da 8 ore di lezione con il professionista.
Al termine di ogni mese lo studente riceve una valutazione sul progetto realizzato.
Alcuni dei professionisti potrebbero essere sostituiti durante il Master, con altri professionisti ai vertici del mercato, mantenendo invariato il livello della Faculty internazionale.

Andrei Amado
Fashion Designer
Andrei Amado è nato in Colombia nel 1984 da genitori russo-colombiani. Trascorre la sua prima infanzia in Colombia per poi trasferirsi a Berlino all’età di undici anni. Dopo essersi laureato alla scuola di moda francese Esmod Berlin e dopo gli studi d’arte ad Anversa, ha completato il Master in Fashion Design Womenswear alla Central Saint Martins School of Arts and Design di Londra. Tra i suoi clienti in Italia Max Mara Main Line e Salvatore Ferragamo.
Christian Pellizzari
Designer
Classe 1981, sin da bambino ha messo a fuoco la vocazione di stilista. Dopo la maturità, si è trasferito a Firenze per frequentare l’istituto Polimoda, dove si è diplomato come stilista con specializzazione modellista. Dopo uno stage di sei mesi a Londra, è rientrato in Italia e ha collaborato con Tonello, affiancando il fondatore nella modelleria e nella realizzazione dei campioni. È qui che Christian ha iniziato a coltivare una vera e propria passione per i capospalla. Il 2006 è stato l’anno della svolta: si è trasferito a Parigi e ha lavorato per un anno da Vionnet. Nel 2007 ha assunto la direzione creativa di JayAhr JAY AHR, dove è rimasto fino al 2010. Nel 2011 ha presentato in un piccolo spazio vicino a Colette la sua prima capsule collection. Nel 2013 è arrivato in finale nel concorso Who is on next, promosso da Vogue Italia. Nel 2014, scelto da Giorgio Armani come promessa della moda italiana, ha sfilato nel Teatro Armani mostrando anche le sue proposte per la Donna. Nel 2015 è arrivato in finale nel prestigioso concorso internazionale Woolmark prize per giovani talenti.
Andrea Diletto
Sarto
Nato in Germania nel 1981 da genitori italiani, Andrea Diletto, è una figura di spicco dell’alta sartoria internazionale. Dal 1999 al 2002 ha studiato alla B. Kehrer Fashion School di Stoccarda, e si è poi specializzato all’Istituto Europeo di Milano, dove si è diplomato nel 2005. Da sempre appassionato di bespoke, ha deciso di approfondire la conoscenza delle tecniche artigianali e nel 2006 ha deciso di intraprendere un percorso di specializzazione da A. Caraceni. Nel 2011 ha aperto a Milano il proprio atelier milanese, Sartoria Diletto, all’insegna di un mix di tradizione, artigianalità, unicità, innovazione e ricerca. Nel 2015, in collaborazione con Candiani Denim, ha conquistato il primo gradino del podio ai Global Denim Awards, costruendo un progetto di haute couture intorno al denim e facendo così trionfare l’eccellenza e l’inventiva del Made in Italy. Affiancato da uno dei più giovani team di professionisti nel settore, è riuscito a conquistarsi una reputazione internazionale inserendo i propri prodotti di lusso nei guardaroba dei gentlemen più noti e ammirati.
Marco Panconesi
Designer
Nato e cresciuto a Firenze, si è diplomato in Fashion design all’Istituto Polimoda di Firenze. Appassionato di arte e lavorazioni artigianali fin da piccolo, ha cominciato a lavorare come artigiano presso il laboratorio sperimentale CRAAFT, dove ha potuto approfondire diverse tecniche usate nella pelletteria e nell’abbigliamento delle più prestigiose case di Haute couture internazionali. Dopo la laurea, si è trasferito a Parigi e ha cominciato a lavorare per Givenchy come designer nel Dipartimento gioielli sotto la guida di Riccardo Tisci, completando la sua formazione di design di accessori. Attualmente è Direttore della divisione pelletteria e accessori Uomo di Balenciaga, e Head designer dei gioielli per le collezioni Donna. In parallelo, lavora come consulente per case di moda come Mulberry, che mette a valore la grande tradizione artigianale e manifatturiera britannica. È membro di Cargocollective, con il quale ha partecipato a mostra a Fiesole e Firenze.
Rodolfo Del Chiaro
Designer
GQ ITALIA
Magazine
GQ, Gentlemen’s Quartely, è il brand della casa editrice Condé Nast da oltre settant’anni leader mondiale nel settore dei maschili. Nasce nel 1931 ed è oggi pubblicato in 19 Paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Italia, Germania, Spagna, Giappone, Taiwan, Messico, India, Brasile, Russia, Australia, Cina, Corea del Sud, Portogallo, Sud Africa, Tailandia, Turchia. Diretto da Giuseppe De Bellis, in Italia esce dal 1999 ed è il primo maschile di stili di vita a debuttare nel nostro paese. GQ rappresenta “The Authority on Men”, completamente dedicato allo stile e alla cultura al maschile. Si relaziona con tutte le sfaccettature dell’universo dell’uomo in maniera nitida e puntuale. Il brand si basa sul concetto di stile che caratterizza le storie, i personaggi e i fatti raccontati, fornendo i nuovi standard del Gentleman contemporaneo.
Massimiliano Giornetti
Stilista
Polimoda di Firenze, corso associato al London College of Fashion e al Fashion Institute of Technology di New York. Nel 1999 ha lavorato con il designer Anton Giulio Grande a Roma, e nel 2000 è entrato in Salvatore Ferragamo occupandosi di maglieria uomo per diventare Creative Director Uomo quattro anni più tardi. Nel 2010 ha iniziato a disegnare la collezione prêt-à-porter Donna, e nello stesso anno è diventato Direttore creativo per l’intero marchio, il primo Direttore Creativo nella storia della maison fiorentina. Nel 2012 ha preso parte a un progetto straordinario: in occasione della mostra sponsorizzata da Ferragamo al Louvre di Parigi Sant’Anna - l’ultimo capolavoro di Leonardo da Vinci, ha avuto l’opportunità di presentare la collezione Resort 2013 nel peristilio dell’ala Denon del museo. È stata la prima volta in assoluto che il Louvre ha concesso i propri spazi museali per un evento di moda. Nel 2013 ha ricevuto a Città del Messico il Premio Designer dell’anno dalla rivista maschile GQ.
Jean Marie Ardu
Fashion designer
Brais Vilasó
Fashion Editor
Brais Vilasó è un redattore di moda, che trascorre il suo tempo tra Parigi e Milano. Creando nuove tendenze, consente ai nuovi talenti di esprimersi nel mondo della moda contemporanea. Brais punta a concentrarsi sull’energia della moda e su tutto ciò che ancora essere fatto. Con un particolare interesse per l'abbigliamento maschile, è consulente per diversi brand e testate di moda.
Julia Kim
Fashion Designer
Julia Kim è una fashion menswear designer nel settore del lusso. Nata in Germania da genitori coreani, grazie al suo background multiculturale accede a una delle più prestigiose e internazionali scuole di moda: la Royal Academy of Fine Arts ad Anversa. Sotto la direzione di Walter van Beirendonck sviluppa la sua passione per il menswear design. Durante il suo Master ha attirato l’attenzione del team Versace e, dopo la laurea nel 2009, le è stata offerta l’opportunità di far parte del team di menswear per la prima linea di Versace. Dopo diversi anni trascorsi in questa bellissima e altamente creativa esperienza a Milano, si è trasferita a Firenze per assumere il ruolo di senior designer in Salvatore Ferragamo. Sotto la direzione creativa di Massimiliano Giornetti e al fianco di veri artigiani italiani, ha continuato ad approfondire la sua conoscenza del menswear. Mantenendo una forte connessione con Milano, nel 2016 ha deciso di ritornarci, dove collabora presso Bottega Veneta come direttore dello studio RTW, sotto la direzione di Tomas Maier. Questa esperienza l'ha portata a diventare head designer di OAMC. La sua creatività emerge dalla profonda conoscenza dell'industria e dal suo background multiculturale. Attualmente lavora come consulente ed è impegnata anche nell’insegnamento.
Sabrina Fischer
Fashion Designer
Nata nel 1983 in Germania, Sabrina Klaziena Fischer dopo una prima formazione tecnica, si è trasferita ad Anversa per studiare presso il Dipartimento Moda della Royal Academy di Anversa. Durante i corsi della Royal Academy Sabrina ha iniziato a collaborare con lo studio di Haider Ackermann a Anversa, città in cui è venuta in contatto con molte maison di design di Anversa, come Dries van Noten, Ann Demeulemeester, AF Vandevorst e Christian Wijnants. Proprio Christian Wijnants, professore di maglieria alla Royal Academy, le ha chiesto di diventare il sua assistente creativa. Ha acquisito una profonda conoscenza nella ricerca dei materiali, nel drappeggio e nella sartoria. Frequenti periodi di lavoro a Parigi, Tokyo e Bruxelles le hanno consentito di esprimere la sua passione per le performance di moda, per Yiuma Nakazato e Liebeskind Berlin. Sabrina è poi tornata in Germania nel 2014 come consulente per Hugo Boss, al fianco di Jason Wu. Attualmente lavora con Costas Murkudis per il suo debutto con il marchio Strenesse (Monaco).
Maxence Dinant
Stilista
Maxence Dinant è uno stilista di origine belga. Dopo la laurea presso l’Accademia Reale delle Belle Arti di Anversa, si è trasferito in Italia dove ha iniziato la sua carriera prima come assistente ufficio stile e sviluppo prodotto per Samsonite Black Label, poi come Direttore Prodotto Uomo per Alexander McQueen (Gruppo Gucci). Dopo un periodo ad Amburgo come assistente di Jil Sander rientra a Milano dove si dedica al “revival” del menswear di Jil Sander. Alla ricerca di nuove sfide, entra prima in Dolce & Gabbana Uomo come Senior Designer poi come Design Director Uomo da Salvatore Ferragamo a Firenze. Quest’ultimo ruolo gli concede una visione a 360° della concezione e dello sviluppo di tutte le categorie merceologiche del guardaroba e del lifestyle maschile: dall’abbigliamento agli accessori. Oltre al processo creativo e produttivo, Maxence ha sempre ricoperto un ruolo chiave nell’ideazione delle sfilate, nel merchandising e nel training del personale dei negozi, nello sviluppo di servizi su misura e la creazione di progetti speciali. Nel 2016 si trasferisce a Los Angeles per formarsi come attore presso gli studios di rinomati coaches come Larry Moss e Ivana Chubbuck. Oggi vive a Milano dove divide il suo tempo tra l’insegnamento in più campi creativi e la recitazione. Oltre a vari spettacoli teatrali, ha lavorato nel cinema con Matteo Garrone, Sergio Castellitto e Checco Zalone.

Docenti di metodo

Ci sono conoscenze e abilità anche teoriche che non si imparano in corsa e richiedono un approfondimento ad hoc. Non si sa quando potranno servire, ma una cosa è certa: serviranno.
Gli studenti per questo motivo hanno durante i 10 mesi 200 ore di lezioni con i Docenti di metodo, le lezioni vengono distribuite durante i 10 mesi di Master.
Alcuni dei Docenti di metodo potrebbero essere sostituiti durante il Master, mantenendo il livello della Faculty invariato.

Giacomo Luigi Pilato
Brand and Product Merchandise Manager
Di formazione scientifica ed analitica dopo il diploma al Liceo Scientifico consegue una Laurea in Ingegneria dei Sistemi al Politecnico di Milano. Specializzatosi nel mondo della moda con il Master in Brand, Fashion Design and Product Direction presso il Milano Fashion Institute del consorzio interuniversitario Bocconi, Politecnico di Milano e Università Cattolica, ha subito iniziato la sua carriera professionale nel mondo della moda. Dopo alcune esperienze presso aziende produttrici di tessuti e materiali per i brand del lusso, nel 2009 la prima esperienza importante in Vivienne Westwood, dove lavora fino al 2014 con posizioni nell’expertise di prodotto e nel merchandising, seguendo Menswear, Womenswear e coordinando le collezioni Accessori. Viene chiamato in Neil Barrett, dove è Senior Merchandise & Brand Manager, perfezionandosi nel Menswear. Nel 2018 fonda 72mode, la sua società di consulenza e agenzia di brand development con sede a Milano, valorizzando il proprio network professionale. Nel 2019 collabora per i brand dello sportwear streetwear del gruppo N.G.G. per tutte le collezioni Menswear & Accessori. Nel corso degli ultimi anni ha svolto attività di docenza sul Fashion Merchandising in Accademia del Lusso e in Milano Fashion Institute. L’insegnamento è un’attività che apprezza particolarmente, in quanto gli dà la possibilità di condividere le proprie competenze ed esperienze con quelli che potranno essere i futuri professionisti della moda, cosa che gli procura una grande soddisfazione personale ed un forte senso di responsabilità.
Lia Luzzatto
Color consultant
Dopo essersi laureata a pieni voti all’Accademia di Belle Arti di Brera, ha proseguito gli studi esplorando i territori della moda e specializzandosi in comunicazione cromatica su carta e digitale. Opera come Colour consultant in molti ambiti, scrive libri, partecipa a seminari e insegna. Per la sua complessità simbolica, comunicativa, psicologica e sensoriale, il colore è una risorsa fondamentale in qualunque contesto visivo. Insegna Teoria del colore presso l’Accademia di Comunicazione e il Luxury Lab Accademia del Lusso di Milano. A quattro mani con Renata Pompas, conosciuta alle lezioni di Cromatologia di Luigi Veronesi in Accademia, ha pubblicato numerosi libri sul colore che vengono continuamente ristampati per editori come Hoepli, Il Castello, Bompiani. È socia fondatrice del Gruppo del Colore Associazione italiana Colore, del cui Consiglio di Presidenza e Comitato Scientifico è membro. Già socia di CISST Centro Italiano per lo Studio della Storia del Tessuto e socia ADI, è membro di ECD Environmental Color Design di Buenos Aires e Color Study Group di Stoccolma.
Nicola Volpini
Fashion designer
Si è formato a Firenze all’Istituto d’Arte di Porta Romana di Firenze, sezione Oreficeria, e all’ISIA, dove si è laureato con una tesi su un attacco per snowboard che gli è valso il premio Compasso d’Oro Giovani. Le prime esperienze lavorative nel mondo della moda sono state con Ermanno Scervino e La Nouvelle bague, dove è rimasto per sette anni come designer di gioielli. Nel 2000 ha iniziato la libera professione, che lo ha portato negli anni a collaborare in modo continuativo con aziende come Damiani, Cartier, Salvatore Ferragamo, Akris, Celine, Maison Margiela e Jil Sander, alternando i propri interventi in ambito fashion e gioielleria. La sua cifra stilistica parte dalla curiosità e dall’osservazione dei fenomeni che impattano sulla percezione estetica. Le contaminazioni fra artigianato e innovazione tecnologica portano in dote una personalissima chiave poetica: i pieni si contrappongono ai vuoti, il movimento alla staticità, la ricerca estetica è nel segno di una mutazione permanente.
Cesare Maria Cunaccia
Scrittore / Giornalista
Nato a Trento nel 1962, si è laureato in Architettura a indirizzo storico presso l’IUAV di Venezia e poi in Lettere a indirizzo artistico all’Università di Ca’ Foscari. Ha conseguito un Dottorato alla Sorbona di Parigi sul tema della cultura manierista e dei rapporti artistici fra l’Italia e Fontainebleau all’epoca degli ultimi Valois. Ha al suo attivo una cospicua serie di volumi sul patrimonio artistico e ambientale italiano ed europeo, sulla storia della moda, sulla fotografia e sulla semantica contemporanea della moda. Ha curato numerose esposizioni, fra cui, nel 2004, insieme a Franca Sozzani, la sezione Moda e Fotografia de La Danza delle Avanguardie, al MART di Rovereto. Nella sua attività giornalistica spicca la lunga collaborazione con Vogue Italia e l’Uomo Vogue, magazines di cui è stato per vari anni Editor at large, e quella in qualità di Art and Antiques Consultant per AD Italia. Attualmente scrive su Il Giornale e Giornale Stile, ed è Senior editor di Lampoon. È docente di due Master di moda e comunicazione dell’Università LUISS di Roma.
Cem Cako
Fashion Designer
Matteo Balza
Art Director / Graphic Designer
Matteo Balza è un Art Director e Graphic Designer con base a Milano. Dopo essersi laureato al Politecnico di Milano in Disegno Industriale, inizia a Londra il suo percorso professionale come dsigner nel settore dell'Interior Design, presso studi come Moritz Waldemeyer, StudioTILT e Rory Dobner. Nel 2014 entra a far parte del Vazva Artist Program, brand streetwear spagnolo che lo avvicina al mondo dell'abbigliamento. Nel 2015 fonda il brand Sort Of Looser, per il quale segue tuttora la direzione creativa e nello stesso anno inizia anche una collaborazione con Armani che lo impegna per due anni come artista e illustratore, partecipando anche a eventi instore in attività di live-painting e product customization, muovendosi tra gli store Armani in Europa e in Medio-Oriente. Nel Luglio 2017 collabora con il brand olandese Ajbilou | Rosdorff, creando una linea di “prints” in occasione della Mercedes-Benz Fashion Week di Amsterdam. Attualmente lavora come freelancer nel campo del Graphic / Print Design e nell' Art Direction per il branding, gli eventi e la comunicazione con l'agenzia Fasten Seat Belt di Milano.
Kevin Lancelin
Fashion Designer
Parigino, Kevin Lancelin si è laureato nella sua città natale in Fashion Design al Creapole ESDI. La sua carriera è decollata prima presso la sede europea di Amsterdam di Nike, poi nel quartier generale di Portland, in Oregon. In cinque anni di attività in Nike, ha sviluppato diversi progetti tra cui Nike Tech Pack, Nike Tech Knit, Nike NSW. Le conoscenze acquisite all'interno di Nike nell’ideazione e realizzazione del prodotto, hanno portato poi Kevin in Stone Island. Attualmente residente a Milano oggi in Stone Island è capo designer per l’abbigliamento.
Benedetto Boccuzzi
Musicista e compositore
Musicista eclettico ed appassionato, è pianista, compositore ed insegnante. Il suo repertorio come pianista solista e camerista va da Frescobaldi e Purcell alle più recenti composizioni contemporanee. Si esibisce regolarmente in Italia ed Europa e ha in attivo collaborazioni con la flautista Alessandra Rombolà, La compagnia di danza “Equilibrio Dinamico” (Bari) e la compagnia teatrale “La Chambre Magique”, per la quale ha composto ed eseguito le musiche di scena per la Salomè di Oscar Wilde (regia di Michele Suozzo - Teatro Palladium, Roma). Nel 2016 ha concluso con il massimo dei voti e la lode gli studi accademici in pianoforte sotto la guida del M° Roberto Bollea presso il Conservatorio N. Rota di Monopoli. Ha studiato con il M° Oscar Martin Castro presso il Conservatorio M. Castillo di Siviglia, e si è perfezionato con il M° Carlo Guaitoli presso l'Accademia del Festival della Piana del Cavaliere. Ha studiato clavicembalo con il M° Marco Bisceglie e composizione con i Maestri Marco della Sciucca e Federico Gardella. Si è specializzato nell'esecuzione del repertorio contemporaneo lavorando con “Zahir Ensemble” a Siviglia e “Teatro Lirico Sperimentale” a Spoleto; è stato pianista accompagnatore presso la Scuola Superiore di Musica di Oporto. Le sue composizioni sono state eseguite in Italia, Germania, Spagna e Romania.
Michael Rodgers
Attore e acting coach
Brais Vilasó
Fashion Editor
Brais Vilasó è un redattore di moda, che trascorre il suo tempo tra Parigi e Milano. Creando nuove tendenze, consente ai nuovi talenti di esprimersi nel mondo della moda contemporanea. Brais punta a concentrarsi sull’energia della moda e su tutto ciò che ancora essere fatto. Con un particolare interesse per l'abbigliamento maschile, è consulente per diversi brand e testate di moda.

Aziende

In quasi trent’anni di attività, Raffles Group ha costruito una solida rete di partner che collaborano nei Corsi Triennali e nei Master. La reputazione delle aziende e la qualità delle relazioni sviluppate sono la garanzia di un incontro decisamente fertile fra i mondi education e business.

Adidas, Aigner, B&O – Bang & Olufsen, Boucheron, Brother, Bulgari, Burberry, C&A, Cartier, Chanel, Chloé, Design Business Chamber Singapore, Diesel, Dior, Dolce & Gabbana, Dunhill, Elle, Fendi, Fujifilm, Furniture Design Award Singapore, Giorgio Armani, H&M, Heinz, Hermes, Hogan, HP Technology, HSBC – Hong Kong and Shanghai Banking Corporation, IKEA, InterContinental Hotels & Resorts, Kohler, Lear Corporation, Lego, Li & Fung, L’Oréal, Louis Vuitton, LVMH, Mahogany, Max Mara, MediaCorp, Metro, Michael Kors, Microsoft, Nippon Paint, Nokia, Orchard Road Business Association, Pepsi, Philips, Prada, Puma, Ralph Lauren, Redworks, Richemont, Richmond, Rolex, Saatchi & Saatchi, Saint Laurent Paris, Samsung, Shiseido, Siemens, Singapore Furniture Industries Council, Singapore Jewellers Association, Sony Pictures, Standard Chartered, Textile & Fashion Federation, Tiffany & Co., Valentino, Versace, Y&R, Yves Saint Laurent.

Monday talk

Tutti i lunedì sera, alle 18.30 Raffles Milano invita gli studenti a incontrare un grande personaggio della scena del design, dello stile e della cultura del progetto. Ascoltare in presa diretta le storie e le idee che influenzano il mercato e fanno progredire i nostri mindset è un’opportunità di grande spessore, che va a integrare i programmi accademici. Ecco gli incontri del prossimo anno.

Ammissioni

Le richieste di ammissione possono essere inoltrate via mail (attraverso un form da compilare sul sito RM) oppure con contatto telefonico diretto con la segreteria. Al ricevimento dei documenti richiesti e di una lettera motivazionale redatta dal Candidato, la Direzione fissa la data per un un colloquio conoscitivo con il Course leader o con il College Director se necessario.

Ai candidati, se ritenuti idonei, viene inoltrata la risposta ufficiale di accettazione della richiesta di ammissione, che comunque resta non vincolante per il Candidato.

 

Documentazione di ammissione:
– curriculum vitae
– portfolio artistico e/o professionale
– lettera di motivazione
– piano degli studi precedente
– documentazione su corsi e workshop frequentati
– certificato di conoscenza della lingua inglese
– passaporto o carta d’identità per gli studenti italiani o cittadini EU-EFTA
– ricevuta del pagamento della tassa di ammissione di 100 euro.

I candidati potranno inviare la documentazione di ammissione all’indirizzo email: master@rm-modaedesign.it

Per richiedere maggiori informazioni, compilare il form “Richiesta info”.

Rette

A seguito della comunicazione ufficiale della Direzione sull’ammissibilità del Candidato, si può procedere alla fase di iscrizione. Tutti gli studenti in possesso dei requisiti – al momento della formalizzazione dell’iscrizione – devono versare la tassa d’iscrizione, alla quale deve essere integrata la retta annuale prima dell’inizio del corso.

L’importo può essere versato in un’unica soluzione, oppure in altre due rate dopo quella dell’iscrizione: la seconda entro l’inizio del Primo Semestre, la terza entro l’inizio del Secondo Semestre.

Per gli studenti internazionali è prevista la sola opzione di pagamento in un’unica rata al momento dell’iscrizione.

Studenti del’Unione Europea ed EFTA
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 12.000 euro

Studenti extra Unione Europea
Tassa di iscrizione: 3.000 euro
Retta di frequenza: 23.000 euro

Tassa di ammissione
Per fare domanda di ammissione al Master, occorre versare una tassa di ammissione di 100 euro.

Borse di studio

RM mette a disposizione per ogni Anno Accademico rilevante numero di Borse di Studio internazionali.

Per garantire l’accesso agevolato a talenti italiani e internazionali.

Le Borse vengono annunciate sul sito istituzionale di RM con almeno 6 mesi di anticipo rispetto all’attivazione dei Master di Novembre e Febbraio.

Richiedi Info
Richiedi Ammissione